Bob Dylan vince il premio Nobel per la Letteratura, il commento di Riccardo Bertoncelli: 'Ha insegnato al rock ad approcciarsi ai testi in modo diverso'

Bob Dylan vince il premio Nobel per la Letteratura, il commento di Riccardo Bertoncelli: 'Ha insegnato al rock ad approcciarsi ai testi in modo diverso'

La vittoria del cantautore di Duluth del premio Nobel per la Letteratura è stata salutata da molti come il definitivo riconoscimento del mondo accademico alla figura che, più di ogni altra, ha dato dignità artistica a un'espressione - il rock - tradizionalmente considerato "popular" ma non "alto".

Abbiamo chiesto al più autorevole degli opinionisti musicali italiani, Riccardo Bertoncelli, un'opinione sul conferimento a Bob Dylan di uno dei più prestigiosi riconoscimenti sul panorama mondiale:

"Sono sorpreso: se ne parlava da così tanto tempo che ormai credevo che non potesse succedere più. Per diverse edizioni sono stati premiati, ma anche dimenticati, così tanti egregi scrittori che, tutto sommato, credevo che l'assenza di Dylan fosse giustificata. Bisogna però ammettere che lui ha saputo offrire un modo diverso di guardare le cose: è stato l'artista che più di ogni altro è stato capace di rendere i testi delle canzoni influenti. Sotto il profilo tecnico e poetico ci sono colleghi forse più bravi, mi viene in mente soprattutto Leonard Cohen, ma è stato Dylan a insegnare al rock ad approcciarsi ai testi in modo differente"

E' ormai passato mezzo secolo da quando Dylan ha iniziato a creare, come si legge nelle motivazioni rese note dell'Accademia Svedese contestualmente all'assegnazione, "una nuova espressione poetica nell'ambito della grande tradizione musicale americana":

"Come al solito, riconoscimenti come questo sono tardivi, perché arrivano a cinquant'anni dalla stesura dei testi che ci hanno cambiato la vita. E' buffo, poi, vedere che il Premio Nobel per la Letteratura gli sia stato assegnato dopo la pubblicazione di due dischi di cover. E' da un po' che Dylan non scrive testi nuovi. Sarà divertente immaginare anche come si presenterà davanti al re di Svezia: probabilmente in sandali, con i capelli scomposti e la barba di otto giorni, visto che al Papa si era presentato con cappellone western bianco  e giacca spiegazzata"

Se Bertoncelli dovesse ipotizzare un altro Premio Nobel a un espondente del mondo del rock, su chi scommetterebbe per gli anni a venire?

"Non saprei fare una previsione sul prossimo esponente del mondo del rock premiato con un Nobel: Dylan è un reduce di un altro mondo, ecumenico, che parlava a tutti. Oggi ci sono tante tribù e tante parrocchie diverse. Mi vengono in mente bravi scrittori come Nick Cave, ma a differenza di Dylan non parla a tutti, e sicuramente è stato ed è meno influente di lui. Sono convinto che questo premio al rock degli accademici svedesi sarà l'unico per i prossimi quattrocento anni"

Scheda artista Tour&Concerti Testi
JIMI HENDRIX
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.