Anche la SIAE contro il secondary ticketing: presentato un ricorso d'urgenza al Tribunale Civile. 'E' bagarinaggio'

Anche la SIAE contro il secondary ticketing: presentato un ricorso d'urgenza al Tribunale Civile. 'E' bagarinaggio'

Si moltiplicano, dopo l'"affaire biglietti" che ha caratterizzato le prevendite per le due date dei Coldplay previste a Milano per i prossimi 3 e 4 luglio, le iniziative per contrastare il secondary ticketing, ovvero la rivendita di tagliandi acquistati sui canali ufficiali del mercato primario a prezzi notevolmente maggiorati: dopo la presa di posizione di alcuni tra i promoter di spicco sul panorama tricolore - F&P Group e Barley Arts su tutti - oggi è la SIAE ad esprimersi in merito.

Per mezzo di una nota ufficiale, la Società Italiana di Autori ed Editori ha fatto sapere di aver presentato un ricorso d’urgenza al Tribunale Civile "per tutelare sia i diritti dei propri associati che  i consumatori (soprattutto i più giovani), che si ritrovano a pagare anche fino a 10 volte in più i ticket di ingresso sul mercato parallelo".

Il dg della società Gaetano Blandini ha dichiarato:

"Lo chiamano secondary ticketing ma in realtà si tratta di bagarinaggio. È una vergogna che danneggia gravemente i consumatori ma anche gli autori e tutti i titolari del diritto d’autore. Da alcuni anni stiamo tentando di perseguire questo fenomeno, un vero e proprio cancro per il settore, ma al momento non abbiamo gli strumenti per estirparlo. ll fatto che alcuni grandi organizzatori di concerti abbiano acquisito la proprietà di siti Web di secondary ticketing suscita un forte imbarazzo per una innaturale commistione di interessi che è nostro dovere segnalare alla Magistratura. Chi opera in questo modo infatti guadagna impropriamente sulle spalle di autori, artisti, produttori e di tutti coloro che lavorano nello spettacolo. Si tratta di un freno inaccettabile alla crescita economica oltreché alle opportunità di lavoro nel settore dello spettacolo e della cultura"

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.