La rivincita del Mono: perché così il classic rock suona meglio (con un piccolo aiuto da parte degli Stones) (1 / 6)

La rivincita del Mono: perché così il classic rock suona meglio (con un piccolo aiuto da parte degli Stones)
Era il 1968 quando gli artisti di punta della scena rock di allora cominciarono a mixare i loro dischi in stereo: fino ad allora la forma imperante era stata il mono che, gradualmente, avrebbe finito con il passare in secondo piano. Il risultato, a distanza di decenni, è che molti di noi non hanno mai ascoltato le versioni originali in mono dei propri album preferiti degli anni Sessanta. Dovremmo farlo? E perché?
Innanzitutto perché allora gli artisti “pensavano” in mono, dunque nel trasformare in dischi le loro opere condizionavano l’intero processo di registrazione a quella tecnica e, quindi, gli album precedenti gli anni ’70 mixati in mono possono considerarsi dei veri originali, sia dal punto di vista sonoro che concettuale. E, in secondo luogo, perché al mixaggio in mono era dedicata tutta la loro cura, spesso relegando la realizzazione della versione stereo ad assistenti dei tecnici del suono disponibili in studio alla fine del processo di registrazione.

Un paio di episodi di chiara fama - The Beatles in Mono e The Original Mono Recordings di Dylan – hanno dimostrato che non è infrequente per i fans riscoprire dei classici in versioni realmente differenti e, in generale, percepire per la prima volta una ben maggiore nitidezza sonora e dei mixaggi più incisivi. Ora la vicenda si ripete in una forma ancora più clamorosa con la pubblicazione di The Rolling Stones in Mono, un altro formidabile esempio del ritorno di fiamma del mono che già si propone come cofanetto indispensabile per ogni esegeta della band di Jagger e Richards. Vi si trovano all’interno tutti gli album inglesi e la maggior parte di quelli di emissione americana del gruppo degli anni ’60 (dall’omonimo LP di esordio a “Let it bleed”), arricchiti da un disco-compilation intitolato Stray Cats che raggruppa singoli ed EP che restarono esclusi dagli album.


Ma cosa distingue un mix in mono da uno in stereo?

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.