NEWS   |   Pop/Rock / 07/10/2016

Coldplay, i biglietti esauriti e il bagarinaggio online: il Codacons presenta esposto alla Procura di Milano

Coldplay, i biglietti esauriti e il bagarinaggio online: il Codacons presenta esposto alla Procura di Milano

All'inizio di questa settimana, la band guidata da Chris Martin aveva annunciato le date del tour del 2017 in supporto al nuovo album "A head full of dreams": tra queste anche quella in programma per il prossimo 3 luglio 2017 allo stadio San Siro di Milano. I primi a poter acquistare i biglietti sono stati i titolari di Carta American Express, che il giorno dopo l'annuncio, vale a dire martedì 4 ottobre, hanno potuto accedere ad una prevendita esclusiva fino alle 10 di ieri, giovedì 6 ottobre. Dalle 10 alle 18 dello stesso giovedì anche gli iscritti al Live Nation Italia - società che cura gli interessi dal vivo dei Coldplay - hanno potuto accedere alla prevendita, mentre la vendita generale è partita alle ore 10 di questa mattina, venerdì 7 ottobre.

Inutile dirlo, i biglietti finiscono in un battibaleno, lasciando con l'amaro in bocca parecchi fan dei Coldplay che non riescono a procurarsi il loro tagliando. A sorpresa, dunque, ecco che Live Nation annuncia una seconda data della band di "Viva la vida" in Italia, sempre in programma a San Siro, Milano, per il prossimo 4 luglio. Ma anche i biglietti per questo concerto finiscono nel giro di pochi minuti, ma solo sui circuiti autorizzati: i tagliandi, infatti, cominciano a comparire su siti di secondary ticketing a prezzi maggiorati. Ma non è una novità: il copione è esattamente quello che noi di Rockol stiamo raccontando da almeno tre anni coi Black Sabbath, Bruce Springsteen, Adele all'Arena di Verona e tutti gli altri.

Altroconsumo, l'associazione per la tutela e la difesa dei consumatori, alla luce di quanto accaduto con i biglietti per i due concerti milanesi dei Coldplay ha deciso di segnalare all'Antitrust l'agenzia per la vendita di biglietti TicketOne e il Codacons ha presentato un esposto alla Procura di Milano "affinché vengano appurate eventuali ipotesi di reato e vengano duramente sanzionati tali sopprusi". Il Codacons, tramite una nota pubblicata sul suo sito ufficiale, fa infatti sapere che:

"Il grande evento è il concerto che i Coldplay terranno allo stadio San Siro il prossimo 3 luglio 2017. Non sorprende tanto il sovraccarico del sito Ticketone al momento dell'apertura delle pre-vendite. Quel che sorprende è che alcune agenzie siano riuscite ad accaparrarsi migliaia di biglietti mentre il pubblico poco o nulla. Oggi che i biglietti sono disponibili per tutti non ce ne sono più. Il motivo? Li hanno presi tutti le agenzie. Collegandosi al sito di Ticketone si viene messi in sala d'attesa e, anche dopo che è terminato il tempo di attesa, risulta impossibile acquistare i biglietti. L'unica soluzione sarebbe acquistarli dagli altri rivenditori online. Ma qui iniziano i dolori. I prezzi originali previsti dal sito Ticketone erano i seguenti: 46 euro per gli anelli verde e blu, tra i 57 e i 98 quelli degli anelli più bassi e per il prato, 109,25 il posto più ambito, quello dell'anello rosso numerato. Prezzi decisamente in linea con tutti i grandi concerti che si tengono a Milano. Sul sito Viagogo il prezzo più basso attualmente disponibile è 166,82 euro per un biglietto all'anello verde, circa 3 volte il prezzo originale. Il problema però è che si sale vertiginosamente superando i 200, i 300 euro, fino all'assurda cifra di 1780,94 euro per l'ambito anello rosso, ovvero16 volte la cifra originale. Il Codacons presenta esposto alla Procura della Repubblica di Milano affinché vengano appurate eventuali ipotesi di reato e vengano duramente sanzionati tali sopprusi".


Da Altroncosumo, invece, commentano:

"Quello dei Coldplay è solo l'esempio più recente. Ma le segnalazioni dei biglietti per i concerti venduti online tramite il circuito Ticketone, con modalità non proprio trasparenti, si verificano sempre più spesso. E non c'è una vera distinzione di artisti, generi o location: è un destino che riguarda un po' tutti i grossi eventi in calendario. Biglietti che si volatilizzano letteralmente pochi minuti dopo la messa online e che, prontamente, a breve distanza si trovano in vendita su circuiti secondari non ufficiali a prezzi esorbitanti. [...] già qualche minuto dopo l'inizio della vendita, i biglietti si sono letteralmente volatilizzati. A stretto giro, però, è possibile trovarli semplicemente cercandoli su circuiti alternativi: noi li abbiamo visti in vendita anche a 2.000 euro. [...] Abbiamo deciso di segnalare la pratica commerciale scorretta all'Autorità garante della Concorrenza e del Mercato, chiedendo che intervenga per verificare il corretto comportamento della società Ticketone. Chiediamo che vengano messi in atto strumenti e misure necessarie per evitare che, per mezzo di software dedicati, avvenga l’acquisto di migliaia e migliaia di biglietti, che possono essere successivamente rivenduti anche a prezzi spropositati su circuiti secondari".


L'esposto presentato dal Codacons alla Procura di Milano è lo stesso che ha presentato, lo scorso febbraio, Claudio Trotta (patron della Barley Arts) in merito a quanto era accaduto con i biglietti per le due date italiane del "The river tour" di Bruce Springsteen, andati subito esauriti su TicketOne e poi spuntati sui siti di secondary ticketing: "Da parte dei grandi artisti italiani un silenzio assordante", aveva denunciato Trotta, sentito da Rockol.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi