Cabeki - la recensione di "NON CE LA FARAI, SONO FEROCI COME BESTIE SELVAGGE"

Cabeki - la recensione di "NON CE LA FARAI, SONO FEROCI COME BESTIE SELVAGGE"

Polistrumentista, compositore, arrangiatore, ingegnoso costruttore dei suoi stessi strumenti: questo è Andrea Faccioli, musicista già al fianco di Vasco Brondi e Le Luci della Centrale Elettrica, Julie’s Haircut, Stefano “Cisco” Bellotti e Damo Suzuki, ed è ciò che in grado di concentrare nel progetto Cabeki, oggi all’alba del terzo lavoro in studio. Sono passati quattro anni dall’uscita di “Una Macchina Celibe” (Tannen Records), durante i quali, oltre alla stesura del nuovo album, ci sono stati tour e concerti sui palchi di tutta Italia. Con “Non ce la farai, sono feroci come bestie selvagge”, disco in uscita il 7 ottobre 2016 per l’etichetta Brutture Moderne, ci troviamo nuovamente davanti ad un album di pregevole fattura, completamente strumentale, che parla attraverso la combinazione dei diversi registri stilistici presenti. Il disco, registrato, mixato, arrangiato e prodotto da Cabeki stesso, è stato masterizzato da Lorenzo Caperchi presso il Red Carpet di Brescia.

“Non ce la farai, sono feroci come bestie selvagge” è uno di quei dischi che rientrano nella categoria album fatti apposta per me. Come tutti, anch’io ho generi preferiti e tra questi metto sicuramente il post rock, il folk, la musica sperimentale di qualsiasi tipo, i neoclassici, il post hardcore, l’hardcore, l’indie rock americano… Un disco come “Non ce la farai, sono feroci come bestie selvagge”, strumentale, post rock, blues, jazz, folk, elettronico e sperimentale, non può quindi che farmi contento...

Leggi la recensione completa di "NON CE LA FARAI, SONO FEROCI COME BESTIE SELVAGGE" cliccando qui

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.