Desert Trip Festival con Rolling Stones, Bob Dylan, Paul McCartney, Neil Young, Roger Waters e Who: la guida essenziale al G6 del rock mondiale (1 / 13)

Desert Trip Festival con Rolling Stones, Bob Dylan, Paul McCartney, Neil Young, Roger Waters e Who: la guida essenziale al G6 del rock mondiale

Potrebbe essere l'ultimo vero ruggito di quella generazione che ha cambiato la musica, e con quella il mondo intero, segnando una strada che ancora oggi, fieramente, stiamo seguendo. Oppure l'epitaffio definitivo sulla lapide in memoria del rock and roll, nato come atto di ribellione e oggi ridotto ad ammenicolo di lusso per facoltosi socialite e gadget corporate alla mercé di fondi di investimento: comunque la pensiate, dato che del Desert Trip si parlerà ininterrotamente per (almeno) le prossime due settimane, tanto vale avere ben chiaro cosa sia quello che - a tutti gli effetti - potrebbe passare alla storia come il G6 del rock.

A parte i Led Zeppelin - che però, come ben sappiamo, difficilmente vedremo tornare sul palco, malgrado le offerte milionarie fatte pervenire sul tavolo di un sempre più riluttante Robert Plant - quelli ancora vivi ci sono proprio tutti: per due fine settimana consecutivi, sul palco dell'Empire Polo Club di Indio, in California, si alterneranno i padri nobili del rock mondiale. Il 7 e 14 ottobre toccherà a Rolling Stones e Bob Dylan aprire le danze: la serate di sabato - l'8 e 15 ottobre - sarà appannaggio di Paul McCartney e Neil Young, mentre il gran finale - il 9 e il 16 - sarà a carico di Roger Waters e Who.

A qualcuno la cittadina di Indio, California, sembrerà di averla già sentita. Il piccolo centro a due ore di macchine da Los Angeles è dal 1999 il teatro del Coachella Festival, nato come raduno off e rigorosamente alternativo ai festivaloni istituzionali oggi diventata la sciccosissima (e costosissima) passerella nei privée della quale i vip della scena USA sfilano all'inizio della stagione estiva. Medesimo, va da sé, è anche l'organizzatore, vale a dire la Goldenvoice, società di live promoting controllata dal colosso AEG Live il cui ad Paul Tollett ha passato buona parte dello scorso anno a introfularsi nei backstage più esclusivi dell'universo cercando di convincere le megastar mondiali a mettere da parte i propri ego per riunirsi in quello che lui stesso ha immaginato come "il festival rock più grande di sempre". I quasi 100 milioni di budget - tanti ne ha stimati il New York Times - messi a disposizione per i cachet, evidentemente, devono aver fatto la loro parte, dato che tra meno di una settimana il sogno proibito di qualsiasi promoter si concretizzerà alle porte del Joshua Tree National Park.

Nella pagine che seguono, abbiamo fatto il punto sui protagonisti - dato che tutti sanno chi sono, abbiamo pensato fosse il caso di ricordare cosa stanno facendo negli ultimi tempi, sui numeri della manifestazione, sulla location e su tutto quanto ci sia da sapere sul Desert Trip, dai prezzi dei biglietti - casomai qualcuno voglia fare una pazzia e farci una capatina per la seconda data - alle "regole di ingaggio" imposte dai promoter agli spettatori. Buona lettura!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.