Dente presenta “Canzoni a metà”: “Sono per la sinteticità: una frase detta bene è meglio di un romanzo” - VIDEOINTERVISTA

Dente presenta “Canzoni a metà”: “Sono per la sinteticità: una frase detta bene è meglio di un romanzo” - VIDEOINTERVISTA

Un primo singolo, “Curriculum” di 55 secondi. Diversi brani sotto o attorno al minuto. “Canzoni a metà”, il nuovo album di Dente ha un titolo, per certi versi ma non tutti, letterale. Il seguito di "Almanacco del giorno prima”, in uscita il 7 ottobre, è stato inciso in maniera autoctona, e con la brevità in mente.

“La sinteticità non è un limite, è una forza. Una frase detta bene, nel modo giusto, è più efficace di un romanzo di 2000 pagine. Chiedete a Ungaretti”, ha raccontato il cantautore fidentino oggi incontrando la stampa. “Il mio libro ‘Favole per bambini stanchi’ inconsciamente mi ha legittimato a fare canzoni in questo modo". dice riferendosi al volume uscito per Bompiani nel 2015. "Possono sembrare canzoni incompiute, ma non lo sono. Sono canzoni sincere, e quindi sono canzoni vere. Ma non sono tutte così, ci sono anche dei brani di tre quattro minuti. Canzoni brevi le ho sempre messe, in fin dei conti”.

Caricamento video in corso Link

Come sempre, nella scrittura di Dente, c’è un doppio fondo, diverse letture: “Sono anche canzoni per qualcuno, per delle metà. E’ un disco che in cui mi faccio delle domande, piuttosto che riflettere sul tempo che passa, come il precedente, che avevo scritto vedendo arrivare lo scoglio dei 40 anni, che ora è stato superato”.

Il disco è stato inciso in completa solitudine, o quasi: “Era un po’ che voleva tornare a fare così, dopo i dischi con la band. L’ho iniziato in casa, poi è pensato che il mondo non era pronto a qualcosa del genere. Era pronto dieci anni fa, ma oggi non è pronto: oggi un disco così verrebbe letto come un passo indietro, per me invece è uno scarto di lato. Così sono andato in studio, e le ho registrato per bene, con Andrea Appino, che oltre essere un grande cantante e autore è un grande nerd, un grande smanettatore.  Ci siamo visti un anno fa dopo un concerto, quando avevo già abbandonato l’idea di farlo in casa, ma non volevo farlo in uno studio anonimo. Questo inverno sono andato a Livorno e l’abbiamo registrato lì, mettendo in bella quello che avevo provato a casa. Il disco risulta semplice perché non sono un grande musicista, ma ho suonato tutto io. La copertina è un opera di un artista argentino, FEFHU, un ‘collagista’: ho visto questa immagine su instagram e l’ho contatto. Come la copertina è un collage fatto da una persona sola, un frankstein di cose diverse, così in questo disco io ho messo assieme tanti colori diversi, di provenienza diversa. E’ un disco che ha bisogno di molti ascolti, purtroppo. A me comincia a piacere adesso, e l’ho finito adesso”, dice sorridendo.

L’album sarà promosso da un tour che partirà a fine mese da Brescia e che terrà impegnato Dente fino al prossimo 17 dicembre (in attesa di altre date). Anche qua una novità: Dente non suonerà più con la sua band storica: “Per la prima volta suonerò con i Plastic Made Sofa. Con la mia ex band ci siamo lasciati senza traumi. Loro hanno i loro progetti, il loro percorso. Io gli ho prospettato un lungo tour, molto serrato, una grande disponibilità: volevo tornare a suonare in tanti posti, anche in provincia. Loro, pensandoci e in maniera molto serena hanno detto che non ce la facevano. I Plastic Made Sofa sono musicisti con un loro gusto, un backgorund che per fortuna è molto simile al mio,. E strano sentire queste canzoni con una band: per il momento la bilancia pende dalla mia parte, ma suonando probabilmente arriveremo a fonderci di più”.

 

La svolta elettrica nel nuovo album eponimo
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
17 apr
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.