Bianco, guarda in anteprima il video di "Rosso che manca di sera"

Bianco, guarda in anteprima il video di "Rosso che manca di sera"

Dopo i concerti con Niccolò Fabi, Bianco torna in tour da solo con la sua band, e pubblica un nuovo video e una nuova canzone, per chiudere il cerchio dell'ultimo album "Guardare per aria".

Il cantautore torinese ha "prestato" il suo gruppo di musicisti a Fabi per il tour di "Una somma di piccole cose", cantando e suonando con lui. Ora lo si potrà rivedere in prima persona per quattro date Roma, Milano, Bologna, Torino (rispettivamete 1, 6, 8 e 14 ottobre), per un giro di concerti dal titolo appropriato: “Fumo l’Ultima Tour”. L'ultimo album "Guardare per aria” verrà per l'occasione pubblicato in una nuova versione in vinile, con una nuova canzone, la cover di  "Rosso che manca di sera",  cover di Ilaria Graziano e Francesco Forni.

Della canzone è stato anche stato realizzato un video, che Rockol vi presenta in anteprima. Bianco ha colto l'occasione per raccontare in prima persona, il suo ultimo anno musicale,  regalandoci anche lo scritto che potete leggere sotto il video.

 

Il 2015 e il 2016 sono stati gli anni di “Guardare per aria”, tutte le cose che mi sono successe dipendono da quelle nove canzoni e grazie a dio sono successe solo cose belle.
Tutto è iniziato con la creazione dei brani in un periodo molto positivo e tranquillo, l’ascolto dei provini e i commenti da parte delle persone che avrebbero poi creato la squadra di produzione del disco con a capo il mio amico e produttore Riccardo Parravicini che mi ha dato una spinta verso l’alto e verso il corretto stato mentale per affrontare le registrazioni.
Momento “rec” molto veloce, Riccardo ed io avevamo ben chiaro come doveva venire questo disco: semplice, quel semplice che però nasconde un importante lavoro di suoni e arrangiamento e che si scopre piano piano con il passare degli ascolti.
Finite le registrazione e tutte le fasi tecniche successive inizia il divertimento con Pietro e il resto della mia etichetta Inri , con loro ci viene in mente di far promuovere l’album direttamente agli utenti di instagram utilizzando l’hashtag #guardareperaria e da lì parte il finimondo. L’idea viene presa molto bene dal pubblico e funziona.
Primo singolo del disco è “Corri corri” scritto a quattro mani con la mia amica Levante: il pezzo va benissimo, le radio lo accolgono alla grande e la gente sembra apprezzare comprandolo in digitale e ascoltandolo in streaming.
Esce il disco accompagnato dal brano “Filo d’erba”, sempre meglio. Con questa canzone viene fuori davvero lo spirito e il suono del disco e il pubblico c’è.
Si parte per il tour, che non è ancora finito, e quindi si forma la band. La formazione di questa band è sicuramente la cosa più bella che sia successa in questi due anni.
Matteo Giai al basso, Filippo Cornaglia alla batteria e Damir Nefat alla chitarra mi hanno accompagnato in tutti i concerti in giro per l’Italia dando una bella svolta ai miei live. L’affiatamento ci porta a suonare sempre più uniti e a divertirci sempre di più e il pubblico lo apprezza infatti caso vuole che una sera ad un concerto, proprio tra il pubblico, ci fosse Sir Niccolò Fabi a cui pare il nostro concerto sia piaciuto talmente tanto che da quella sera, anzi da quella telefonata pochi giorni dopo, siamo diventati la sua nuova band.
I tour diventano due e quindi la probabilità di stare fuori casa diventa altissima, così con i ragazzi si instaura un rapporto praticamente fraterno e quando si sta bene  succedono sempre cose incredibili come quella volta in cui Filippo ha rotto il naso a Giai con una spallata (lui dice involontaria) oppure quando tutto il locale seguiva Damir nei balli post concerto (che vergogna) o anche quando Giai voleva far provare il suo “morso” (stretta tipo wrestler) a tutta la crew del tour di Niccolò Fabi e arrivato al cantautore non solo non riesce a stringerlo ma si ritrova catapultato a terra per circa tre volte, perdendo il fiato dalle risate.....meraviglioso. Sto ridendo da solo davanti al computer.
Tra una data e l’altra tra “Bianco” e Fabi parte un altro progetto live insieme a Margherita Vicario e Luca Carocci chiamato “Margherita Biancocci” con all’attivo una decina di live molto affollati.
Oggi mi preparo ad affrontare quattro concerti che saranno quattro feste di chiusura del nostro “Guardare per aria in tour” e quale occasione migliore per incidere e girare il video della canzone che ho ascoltato di più in questi due anni? Trovo che racconti molto bene una situazione in cui sento di essermi trovato e quindi quando la canto la sento un po' mia. Ilaria Graziano e Francesco Forni sono due musicisti e autori che stimo tantissimo e il fatto che mi permettano di suonare una loro canzone mi inorgoglisce. Il video è stato realizzato e ideato da Valentina Pozzi e rappresenta il pensiero richiamando alla memoria quei famosi video anni 70 prodotti dalla Rai.

Bianco

Queste le date del "Fumo l'ultima tour"

1 ROMA – Teatro Quirinetta
6 ottobre MILANO – Arci Ohibò
8 ottobre BOLOGNA – Locomotiv Club
14 ottobre TORINO – Cap10100

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.