Comunicato Stampa: Un convegno su 'L'economia delle note' il 24/10 a Torino

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


L'Economia delle Note: convegno sulla professione del musicista, il rispetto dei diritti, per la sopravvivenza della cultura.

Organizzazione: SIAM - Sindacato Italiano Artisti della Musica
Patrocinio: Città di Torino, Regione Piemonte.
Data dell'evento: 24 ottobre 2004
Luogo: Sala convegni Galleria di Arte Moderna (GAM), TORINO
Orari: inizio lavori, ore 10,30 - pausa, ore 13,30 - ripresa dei lavori, ore 15,00 - fine prevista, ore 18,00.
Coordinamento: Antonino Salerno (responsabile SIAM)
info: 011.6690913 - 3331064006
web: www.sindacatomusicisti.it

L'occupazione in tutto il settore dello spettacolo è molto diversificata. Convivono infatti lavoratori con rapporti di lavoro stabili ed una molteplicità di lavoratori con rapporti di lavoro discontinui.

Nella Galassia del Lavoro discontinuo e intermittente si riscontrano sia lavoratori con grande potere negoziale individuale che, nella gran parte, figure professionali con meno tutele e meno diritti.
Questa tipologia occupazionale risulta "funzionale" alle produzioni e alla strutturazione dei vari comparti (dalla produzione culturale all'industria dell'intrattenimento) i quali, in buona parte, non possono che essere tipicamente flessibili e discontinui.
Per una "buona occupazione" nel Settore dello spettacolo vanno quindi ricercati e definiti in modo "marcato" diritti, tutele e modelli contrattuali specifici.
Occorre intervenire su tematiche come formazione, protezioni sociali, previdenza per renderle rispondenti a questo particolare mondo del lavoro, in cui esiste sia il problema di integrare i periodi lavorativi ma anche, essenzialmente, coprire i periodi di non lavoro (indennità di disoccupazione, formazione, particolari regole previdenziali, etc.).
Scopo del convegno consiste nel cercare di dipanare l'attuale confusa matassa.
L'intenzione è quella di inaugurare un confronto pubblico e costruttivo fra gli attori coinvolti, focalizzare i problemi più urgenti, avanzare proposte concrete per la loro soluzione, tratteggiare un primo bilancio delle novità intervenute, ma anche informare gli artisti sui diritti già esigibili, sensibilizzare il legislatore ad intervenire con sollecitudine e far conoscere al pubblico le specifiche difficoltà di una professione che sconta spesso il non essere percepita come tale.

Alla luce di ciò sono stati individuati vari temi significativi per i quali verranno offerte proposte concrete, con la collaborazione di relatori qualificati.

Relatori in programma:

on.Pietro GASPERONI, primo firmatario della proposta di legge "Disposizioni per la tutela professionale dei lavoratori del settore dello spettacolo, intrattenimento e svago"
Otello ANGELI, vice presidente IMAIE (Istituto per i diritti degli Artisti, Interpreti, Esecutori)
Michel VENTULA, (rappresentante del SNEA (Synicat National Ensegnant et Artistes de la Musique)
Roberto PLACIDO, consigliere regionale
Rosa Anna COSTA, consigliere regionale
Massimo CESTARO, segretario generale del SAI (Sindacato Attori Italiani)
Giordano SANGIORGI, presidente AudioCoop (Coordinamento delle etichette indipendenti italiane)
Gigi VENEGONI, musicista e produttore

Antonino SALERNO, musicista, responsabile nazionale SIAM
Mario DI GIOIA, presidente Assoartisti
ENPALS, direzione generale
modera: Orlando PERERA, giornalista RAI

www.sindacatomusicisti.it

www.audiocoop.it - info@audiocoop.it
audiocoop.piemonte@toastit.com
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.