Smentita: le ceneri di David Bowie non sono state sparse al Burning Man

Smentita: le ceneri di David Bowie non sono state sparse al Burning Man

Ha suscitato un certo clamore la notizia, diffusasi qualche giorno fa, secondo cui Alexandra Zahra "Lexi" Jones, la figlia nata nell'agosto del 2000 dall'unione tra Iman e David Bowie, avrebbe sparso parte delle ceneri del Duca Bianco nel deserto del Nevada, nel corso dell'edizione appena conclusa (il 5 settembre scorso) del festival Burning Man.

Ora è giunta una smentita da parte del regista Duncan Jones (figlio che Bowie ha avuto con Mary Angela Barnett) e da un portavoce ufficiale degli eredi di dell'artista: Lexi non ha fatto nulla di simile.

Jones ha anche twittato:

La storia del Burning Man? Non finisco mai di stupirmi delle cose che la gente è disposta a fare e dire per attirare l'attenzione. Non è vero. Ed è anche un'affermazione disgustosa

E ancora:

...sappiamo tutti che se papà avesse desiderato che le sue ceneri fossero sparse davanti a degli estranei, allora sarebbe avvenuto a Skegness Butlins ;) [si tratta di un villaggio vacanze - ndr]

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.