Led Zeppelin, processo per "Stairway to Heaven": si ricorre in appello per il rimborso delle spese legali

Led Zeppelin, processo per "Stairway to Heaven": si ricorre in appello per il rimborso delle spese legali

Come già riportato, la causa intentata ai Led Zeppelin e alla loro etichetta dagli eredi di Randy Wolfe per "Stairway to Heaven", ha visto la leggendaria band inglese uscire vincitrice, almeno per ora. Ma le spese processuali, che gli Zep e Warner/Chappell Music hanno sostenuto, secondo la Corte presieduta dal giudice Judge Gary Klausner non devono essere rimborsate, come invece richiesto.

Ora, però, Warner/Chappell ha deciso di ricorrere in appello e di chiedere nuovamente il rimborso delle spese - circa 800.000 dollari, peraltro, adducendo come motivo la condotta dell'avvocato Francis Malofiy, che rappresentava gli eredi di Randy California/Wolfe e avrebbe commesso alcuni errori procedurali, oltre che messo in atto pratiche scorrette.

 

 

Scheda artista Tour&Concerti Testi
BLUES
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.