NEWS   |   Italia / 09/09/2016

Sfera Ebbasta, da 'Ciny' al primo album per una major. Pace fatta con Salmo? - INTERVISTA

Sfera Ebbasta, da 'Ciny' al primo album per una major. Pace fatta con Salmo? - INTERVISTA

Gionata Boschetti in arte Sfera Ebbasta, classe 1992, è un rapper originario di Cinisello Balsamo. Insieme a Charlie Charles, suo produttore e amico, ha esordito nel 2015 con il primo disco "XDVR" (si legge "per davvero"), ottenendo un discreto successo sul web grazie al singolo "Ciny", dedicato alla realtà di strada della sua città natale, divenuto una sorta di inno per i ragazzi dei quartieri periferici di tutta Italia. La prima versione di "XDVR" è uscita per un'etichetta totalmente indipendente, in freedownload: in un secondo momento, il disco è stato ripubblicato in versione "reloaded" per Roccia Music, l'etichetta di Marracash.



Ora, Sfera Ebbasta pubblica il suo nuovo lavoro, dal titolo eponimo: disponibile da oggi, venerdì 9 settembre, il disco è stato anticipato dai singoli "BRNBQ" (Bravi ragazzi nei brutti quartieri) e "Figli di papà" ed è il primo frutto del contratto discografico siglato dal rapper con Universal/Def Jam: "Il passaggio alla major non mi ha condizionato quasi per niente, se non per il fatto di sapere che mi sarei andato a rapportare con un pubblico molto più vasto", dice lui, "fin dall'inizio ho tenuto a non essere modificato da nessuno: volevo fare il mio, punto e basta. Universal e Def Jam mi hanno la possibilità di farlo. Questo passaggio è stato naturale tanto quanto l'essere passato da artista totalmente indipendente a Roccia Music di Marracash: quando inizi a farti conoscere, le situazioni, se sei in gamba, te le crei. Nel mio caso, il buon amico e manager Shablo ha fatto in modo che tutto questo fosse possibile".





Sulla nascita del disco, prodotto sempre da Charlie Charles, Sfera Ebbasta racconta: "Il giorno dopo l'uscita di 'XDVR' ero già al lavoro sui pezzi nuovi. Non sapevo cosa fare di preciso, ma sentivo che era arrivato il momento di confermarsi per non rimanere solo nello schema di 'fai i video, spacchi, ti conoscono solo i ragazzini perché fai tante visualizzazioni'. Volevo fare il passo successivo". L'album contiene 11 tracce, due delle quali realizzate in collaborazione con il marsigliese SCH, star della scena rap francese. "XDVR" era uno street album caratterizzato dalle sonorità trap che hanno permesso a Sfera Ebbasta di autoproclamarsi "Trap King" e affrontava le tematiche della vita nei quartieri con lo sguardo di chi il quartiere lo ha vissuto per davvero; paragonando il suo nuovo disco al precedente, il rapper spiega: "Si sente che sono io, che c'è lo zampino di Sfera Ebbasta, ma sono due album fatti di due paste totalmente diverse. Questo è un disco più maturo rispetto a 'XDVR': si percepisce già dalla copertina e dal modo con cui è stato curato".

A differenza di quelli del 90% dei suoi colleghi, i testi di Sfera Ebbasta sono caratterizzati dalla totale assenza dei dissing (le frecciatine che si lanciano puntualmente i rapper nei loro pezzi): "Quando non sai più come attirare l'attenzione su te stesso, nomini un altro. Io fortunatamente l'attenzione su me stesso so come attirarla senza nominare nessuno", commenta lui. Quando gli chiedi cosa ne pensa del panorama rap italiano, taglia corto: "Spaccano tutti". In realtà, l'uscita del disco si porta dietro anche una polemica tra Sfera Ebbasta e Salmo. Tutto comincia alla fine dello scorso giugno, quando il rapper di "Hellvisback" pubblica su YouTube un video in cui sfotte il mercato discografico e in particolar modo il rapporto tra rapper e discografia. La clip si apre proprio con un'imitazione di Sfera Ebbasta e le sue sonorità trap:



Sfera Ebbasta, in un'intervista pubblicata all'interno dell'ultimo numero di Rolling Stone, ha detto di Salmo (incalzato dal giornalista): "Penso che me lo può sucare. [...] Se è lui a parlare di me allora ho vinto io. Lui l'ha messa come parodia, però sa che certe robe tirano più di altre. [...] Salmo è finito". A quel punto, Salmo scrive un lungo post su Facebook in cui risponde al collega: "Se avessi voluto sfottere Sfera in particolare probabilmente avrei usato l'auto tune!", commenta, tra le altre cose, il membro della Machete Crew. La risposta di Sfera Ebbasta arriva puntuale: "Ho parlato al telefono con Salmo per chiarire la situazione che si stava creando. Ho rilasciato un'intervista a Rolling Stone in cui sono stati usati termini molto forti nei suoi confronti ma posso assicurare che né io né Charlie volevamo mancare di rispetto né a lui né a chi lo supporta. Il video parodia io l'ho visto e nutrendo rispetto per Salmo sia come persona che come artista mi ha fatto un po' storcere il naso perché penso che le novità vadano supportate e non denigrate per quanto possano non piacere, detto questo però non sono il tipo a cui piace alimentare questo tipo di ca**ate, la musica è un piacere per me, non un mezzo per dimostrare qualcosa a qualcuno. Non ho mai risposto ai dissing né alle frecciatine né alle parodie perché penso sia solo una perdita di tempo inutile, ci tenevo a sottolinearlo. [...] Non sono in faida con nessuno, sto pensando al mio futuro!". Oggi, Sfera Ebbasta taglia corto anche sulla polemica con Salmo. "Quindi alla fine come si è risolta?", chiediamo noi alla fine della chiacchierata. "Bene, bene", risponde lui.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
BOB DYLAN
Scopri qui tutti i vinili!