Il ‘value gap’ non è né etica né politica. E’ marketing che grida vendetta

Il ‘value gap’ non è né etica né politica. E’ marketing che grida vendetta

Nel 2015 le vendite digitali hanno per la prima volta sorpassato quelle fisiche e, soprattutto, lo streaming è arrivato a valere il 43% dei ricavi da musica digitale. Non può sorprendere, quindi, che il dibattito sul “value gap” che vede l’industria musicale contrapposta a YouTube sia al calor bianco. 
E’ un tema molto serio con implicazioni estremamente interessanti per il futuro della musica e dei media. Bassa, però, è la qualità del dibattito: argomenti e principi fuori contesto vengono strumentalizzati senza vergogna. 
Ci siamo appassionati alla materia, che riguarda da vicino la totalità dei nostri lettori, il mercato e la professione di noi addetti ai lavori di ogni comparto del settore musicale, cercando di ricostruire al nostro meglio i profili più interessanti della vicenda e di evidenziare i termini di business, normativi e tecnologici della questione che, con la politica invocata dalla signora Moore di IFPI e l’etica richiamata da Irving Azoff, non hanno nulla a che fare.
Il “value gap” è business, e rivendica basilari strategie di marketing che gridano vendetta in attesa di essere adottate.
Ma il value gap è anche complesso, ricco di sfumature che nulla hanno a che fare con il bianco e il nero, con l’impostazione manichea che si è data alla vicenda. Ecco perché abbiamo suddiviso l’articolo in paragrafi e l’abbiamo corredato con altri approfondimenti regolarmente richiamati nelle prossime pagine.
Buona lettura.

    Nel 2015 le vendite digitali hanno per la prima volta sorpassato quelle fisiche e, soprattutto, lo streaming è arrivato a valere il 43% dei ricavi da musica digitale. Non può sorprendere, quindi, che il dibattito sul “value gap” che vede l’industria musicale contrapposta a YouTube sia al calor bianco. 
    E’ un tema molto serio con implicazioni estremamente interessanti per il futuro della musica e dei media. Bassa, però, è la qualità del dibattito: argomenti e principi fuori contesto vengono strumentalizzati senza vergogna. 
    Ci siamo appassionati alla materia, che riguarda da vicino la totalità dei nostri lettori, il mercato e la professione di noi addetti ai lavori di ogni comparto del settore musicale, cercando di ricostruire al nostro meglio i profili più interessanti della vicenda e di evidenziare i termini di business, normativi e tecnologici della questione che, con la politica invocata dalla signora Moore di IFPI e l’etica richiamata da Irving Azoff, non hanno nulla a che fare.
    Il “value gap” è business, e rivendica basilari strategie di marketing che gridano vendetta in attesa di essere adottate.
    Ma il value gap è anche complesso, ricco di sfumature che nulla hanno a che fare con il bianco e il nero, con l’impostazione manichea che si è data alla vicenda. Ecco perché abbiamo suddiviso l’articolo in paragrafi e l’abbiamo corredato con altri approfondimenti regolarmente richiamati nelle prossime pagine.
    Buona lettura.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.