Torino, Brian Eno nega la propria musica a compagnia di ballo israeliana

Torino, Brian Eno nega la propria musica a compagnia di ballo israeliana

Il compositore e produttore britannico fino al '73 in forze nei Roxy Music ha negato l'autorizzazione alla compagnia di ballo israeliana Batsheva di utilizzare un suo brano nel corso dello spettacolo che il collettivo porterà in scena domani a Torino Danza nell'ambito del festival MiTo: a motivare la scelta è stato lo stesso Brian Eno per mezzo di un comunicato diramato dalla BDS - Boycott, Divestment and Sanctions, movimento internazionale di opposizione al governo di Tel Aviv per la linea adottata nei confronti della questione palestinese  al quale lo stesso Eno aderisce. "Non voglio che la mia musica sia concessa in licenza per qualsiasi evento promosso dall'ambasciata israeliana", ha spiegato l'artista, che pure ha espresso rammarico all'indirizzo della Batsheva per il provvedimento. "E’ un dialogo tra loro, Eno ha fatto bene se in coscienza non se la sentiva", ha spiegato all'edizione online della Stampa Gigi Critoforetti, direttore della manifestazione: "Però la nostra scelta di invitare uno spettacolo bellissimo non è in alcun modo politica. E’ pura arte e dentro un teatro la politica non deve entrare, al di là delle opinioni personali di ciascuno, che vanno sempre rispettate".

Insieme a Roger Waters, Brian Eno è uno dei più accesi sostenitori del movimento BDS nella comunità musicale internazionale: nel 2015 i due, insieme a colleghi come il già frontman dei Verve Richard Ashcroft e a esponenti di spicco del panorama culturale britannico come il regista Ken Loach, firmarono un accordo di boicottaggio culturale ai danni di Israele modellato su quello elaborato per il Sudafrica ai tempi dell'apartheid.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.