De La Soul - la recensione di "And the anonymous nobody…"

De La Soul - la recensione di "And the anonymous nobody…"

I loro classici non si trovano su Spotify e le major li ignorano? Poco male: i De La Soul si fanno dare 600 mila dollari dai fan e pubblicano un album, il primo in 12 anni, senza campionamenti, suonato da una “vera” band e con ospiti David Byrne, Damon Albarn, Justin Hawkins, Snoop Dogg

L’hip-hop non ha memoria? I grandi del rock sono riveriti e occupano un ruolo centrale nella narrazione dei media, mentre i veterani del rap faticano a trovare spazio. La velocità con la quale il genere si è evoluto negli ultimi trent’anni e la sovrabbondanza di stimoli offerti dalla scena contemporanea rischiano di far dissolvere l’eredità di gruppi come i De La Soul.

Leggi la recensione completa di "AND THE ANONYMOUS NOBODY…" cliccando qui

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.