Concerti e beneficenza, parla Gaetano Blandini (dg SIAE): 'Noi pronti a fare la nostra parte con abbuoni, ma esigiamo massima trasparenza'

Concerti e beneficenza, parla Gaetano Blandini (dg SIAE): 'Noi pronti a fare la nostra parte con abbuoni, ma esigiamo massima trasparenza'

Non solo gli artisti e i promoter hanno voluto rispondere alla riflessione di Fiorello circa la pericolosità - in termini di efficenza - delle manifestazioni benefiche in favore alle popolazioni colpite dal sisma dello scorso 24 agosto: anche la SIAE, che nell'economia organizzativa degli eventi dal vivo gioca un ruolo fondamentale, ha deciso di intervenire, illustrando a Rockol quali sono i provvedimenti che la Società Italia di Autori ed Editori è in procinto di prendere.

"Fiorello è un nostro associato, e non ha tutti i torti, perché quando si parla di manifestazioni - grandi o piccole che siano - ci sono sempre di mezzo dei soldi, e dove ci sono soldi, purtroppo, spesso ci sono i furbi", ci ha spiegato il dg SIAE Gaetano Blandini: "Il discorso sulla minimizzazione dei costi al fine di massimizzare la donazione è corretto: da questo punto di vista, Italia Loves Emilia è stato un esempio estremamente virtuoso, data la capacità degli organizzatori di ammortizzare gli inevitabili costi vivi che ci si trova ad affrontare quando si imbastisce un grande raduno dal vivo per non intaccare la somma raccolta da devolvere".

La prospettiva, in queste ore, è però quella di guardare al futuro, più precisamente alle numerose iniziative che verranno varate nei prossimi giorni. Ma non solo: "Come prima cosa, abbiamo deciso di sospendere la raccolta dei diritti d'autore - compresa quella per la musica diffusa, per la quale hotel, ristoranti e pubblici esercizi sottoscrivono un abbonamento annuale - nei comuni interessati dal sisma, disponendo un rimborso per i titolari degli abbonamenti stessi che abbiano già versato la quota".

Riguardo invece l'organizzazione di spettacoli dal vivo, la società farà ricorso a un fondo - "Che nei prossimi giorni verrà aumentato", assicura il dg - per concedere degli abbuoni a quanti si adopereranno per la realizzazione di eventi benefici. Purché venga rispettata una condizione essenziale: "Abbiamo dato mandato a tutti i nostri uffici locali di comunicare un elenco delle manifestazioni in aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto: una volta che i nostri funzionari accerteranno l'assoluta gratuità nella prestazione delle performance, gli organizzatori potranno ricorrere all'abbuono - garantito dal nostro fondo - della quota SIAE relativa all'evento. Il provvedimento l'abbiamo già adottato per Jazz Italiano per Amatrice, per il quale abbiamo anche versato un contributo extra come main sponsor".

Cosa possono fare, invece, gli artisti che vogliano devolvere anche i diritti maturati nel corso di un evento benefico? "I diritti d'autore non sono di nostra proprietà: la SIAE è anche sostituto d'imposta, e per concedere la gratuità automatica dovremmo passare in rassegna tutti i borderò compilati durante gli eventi benefici, contattare tutti gli autori coinvolti - che non necessariamente coincidono con gli interpreti - per ottenere da loro una liberatoria. Sarebbe una procedura di fatto impossibile: noi rendiconteremo il maturato al titolare come al solito, e dovrà essere sua cura, in un secondo momento, girare la somma in beneficenza".

Oltre all'evento in programma a L'Aquila il prossimo 4 settembre, ce ne sono altri per i quali la SIAE ha programmi già definiti? "Dell'evento a Roma [già anticipato ieri a Rockol dall'ad di Live Nation Roberto De Luca] ho sentito parlare, ma è ancora tutto in via di definizione. In generale, ci auguriamo che venga seguito il modello di Italia Loves Emilia, autentico esempio virtuoso che segnalerei a Fiorello per placare le sue preoccupazioni".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.