"Che cosa sta succedendo alla musica italiana?" Non stracciamoci le vesti: niente che non sia già successo anche in passato (ovvero: da Cantalamessa a Rovazzi, un secolo di "novelty songs")

"Che cosa sta succedendo alla musica italiana?" Non stracciamoci le vesti: niente che non sia già successo anche in passato (ovvero: da Cantalamessa a Rovazzi, un secolo di "novelty songs")

Sapete cosa sono le “novelty songs”? No, eh? Allora facciamo un po’ di storia.

Il termine, che potremmo spiegare come “canzoni-gadget”, si riferisce a brani pubblicati su disco che abbiano caratteristiche particolari (umoristiche, in genere, o parodistiche, o connesse all’attualità) e che, occasionalmente, non sono cantati da interpreti professionisti. Il termine nasce verso la fine dell’Ottocento in Tin Pan Alley, la “via della musica” americana, cioè la strada di New York in cui avevano sede la maggior parte degli editori musicali dell’epoca. E allora le “novelty songs” erano così diffuse che costituivano una categoria a sé stante, insieme alle canzoni da ballo e alle canzoni lente (“ballads”).
Fra i primi esempi di “novelty song” c’è ad esempio “K-k-k-Katy” di Bill Murray, 1918, che gioca sull’effetto comico del balbettio

Caricamento video in corso Link

ma c’è anche “Der Fuhrer’s face”, 1942, che invece usa la grassa comicità del peto:

Caricamento video in corso Link

Un grande successo, un numero uno in classifica in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, è stato “How much is that doggie on the window?” (nella versione di Patti Page, negli USA, in quella di Lita Roza in UK):

Caricamento video in corso Link

Caricamento video in corso Link

ma anche “Yakety Yak” dei Coasters non se l’è cavata male, in fatto di vendite, nel 1958

Caricamento video in corso Link

Potrei continuare a lungo: ad esempio con “The Chipmunk song”, 1959, che utilizza le voci accelerate con effetto comico

Caricamento video in corso Link

con “Itsy bitsy teenie weenie yellow polkadot bikini” di Bryan Hyland, 1960

Caricamento video in corso Link

con “I was the Kaiser Bill’s batman”, di Whistling Jack Smith

Caricamento video in corso Link

o con “They’re coming to take me away, ha-haa” di Napoleon XIV, 1966

Caricamento video in corso Link

di cui esiste persino una cover italiana dei Balordi, “Vengono a portarci via, ah ahh”

Caricamento video in corso Link

o con “Ernie (The fastest milkman in the West)” di Benny Hill, 1979

Caricamento video in corso Link

Ma anche certe canzoni più dignitose non sfuggono all’etichetta di “novelty song”: è il caso di “Wand’rin’ Star”, “cantata”, o meglio declamata, da Lee Marvin e prima in classifica in Inghilterra nel 1970

Caricamento video in corso Link

ottimo esempio di novelty song interpretata da un non-cantante.
La mia preferita in assoluto? “Disco Duck” di Rick Dees and his cast of Idiots (976):

Caricamento video in corso Link

Insomma, avete capito. La canzone buffa, umoristica, in cui la musica ha un ruolo marginale e quel che conta è il testo o l’effetto divertente, è sempre esistita e ha sempre avuto successo.

Anche da noi, intendiamoci: a partire da “’A risata” di Bernardo Cantalamessa, primo 78 giri inciso in Italia, nel 1895

Caricamento video in corso Link

per proseguire con le canzoni di Rodolfo De Angelis, prima fra tutte “Ma cos’è questa crisi?”, 1933

Caricamento video in corso Link

o con le canzoni del varietà, della rivista e del tabarin, vera festa del doppio senso: come “Pesciolino mio diletto”, resa celebre dal recupero di Paolo Poli, o “Ai romani piaceva la biga”:

Caricamento video in corso Link

Con tutto il rispetto, certe canzoni del Quartetto Cetra, di Fred Buscaglione e Renato Carosone sono novelty songs a pieno titolo; come lo sono, senza voler mettere in dubbio a dignità artistica dei loro interpreti, “Il truccamotori” di Giorgio Gaber, 1972

Caricamento video in corso Link

e buona parte della produzione di Renzo Arbore, dalle sigle televisive di “Quelli della notte” e “Indietro tutta” (“La vita è tutta un quiz”, “Ma la notte no”, “Il materasso”, “Cacao meravigliao”) fino alla ormai classica “Il clarinetto”, Sanremo 1986

Caricamento video in corso Link

Al Festival di Sanremo, per dire, di “novelty songs” ne sono passate parecchie: anche trascurando gli anni degli inizi (“Al mercato di Pizzighettone”, Achille Togliani e Duo Fasano, 1951; “Papaveri e papere”, Nilla Pizzi, 1952; “Papà Pacifico”, Teddy Reno e Nilla Pizzi, 1953; “Casetta in Canadà”, Carla Boni con Gino Latilla e Gloria Christian, 1957), basta ricordare “Lui andava a cavallo”, presentata da Gino Bramieri e Aurelio Fierro nel 1962

Caricamento video in corso Link

la stessa “Chi non lavora non fa l’amore” di Adriano Celentano (1970), a metà tra novelty song e canzone di cronaca

Caricamento video in corso Link

la citatissima “Sugli sugli bane bane” di Le Figlie del Vento”, Sanremo 1973

Caricamento video in corso Link

“Sarà un fiore” di Enrico Beruschi, 1979

Caricamento video in corso Link

“Nella valle dei Timbales” dei Figli di Bubba, 1988

Caricamento video in corso Link

e chiudo in gloria (ma potrei continuare fino ai giorni nostri) con “La terra dei cachi” di Elio e le Storie Tese, 1996

Caricamento video in corso Link

Ma anche fuori da Sanremo, le classifiche di vendita italiane sono state spesso frequentate da “novelty songs”. Lasciando fuori dalla ricerca le sigle televisive (che meriterebbero un articolo a parte), e le canzoni cantate dai calciatori (Ciccio Graziani, Beppe Savoldi, Giorgio Chinaglia, Ruud Gullitt, che non hanno mai avuto grande successo) fra le 100 canzoni più vendute anno per anno in Italia troviamo
“Io ti amo (Tu mi ami)” di Alberto Lupo (1967)

Caricamento video in corso Link

“Pippo non lo sa” di Rita Pavone, cover dei Trio Lescano (1968)

Caricamento video in corso Link

“Casatchock” di Dori Ghezzi (1969)

Caricamento video in corso Link

“Permette signora” di Piero Focaccia (1970)

Caricamento video in corso Link

“Piange il telefono” di Domenico Modugno (1974)

Caricamento video in corso Link

“Buonasera dottore” di Claudia Mori (1975)

Caricamento video in corso Link

“Sei forte papà” di Gianni Morandi (1976)

Caricamento video in corso Link

“Il maestro di violino” di Domenico Modugno (1976)

Caricamento video in corso Link

“Torna a casa mamma” di Memo Remigi (1977)

Caricamento video in corso Link

“Mi scappa la pipì papà” di Pippo Franco (1979)

Caricamento video in corso Link

“Gioca jouer” di Claudio Cecchetto (1981)

Caricamento video in corso Link

“Il ballo del qua qua” di Romina Power (1982)

Caricamento video in corso Link

“Carletto” di Corrado (1983)

Caricamento video in corso Link


...e adesso anche basta, direi. Ah, no: andando a memoria, senza spulciare le classifiche anno per anno, ci sono ancora da ricordare
“Faccia da pirla” di Charlie (1988)
Caricamento video in corso Link

“C’è da spostare una macchina” di Francesco Salvi (1989)

Caricamento video in corso Link

“Esperanza D’Escobar” di Armando De Razza (1989)

Caricamento video in corso Link

“Rapput” di Claudio Bisio (1991)

Caricamento video in corso Link

“Azz” di Federico Salvatore (1995)

Caricamento video in corso Link

“La canzone del capitano” di DJ Francesco (2004)

Caricamento video in corso Link

e naturalmente...
“Il pulcino pio” (2012)

Caricamento video in corso Link

Dice: e a che serve tutta questa elencazione di novelty songs?
Mah, niente. Un po’ a farvi divertire in un giorno di fine estate, e un po’ a spiegare a chi si straccia le vesti perché una certa “canzone” è prima in classifica che non è il caso di gridare alla “fine della musica italiana”. Niente di nuovo sotto il sole...

Caricamento video in corso Link

Franco Zanetti

(PS: grazie a Klaus Bonoldi per lo spunto)

Dall'archivio di Rockol - Backstage all'Arena di Verona
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.