Taylor Swift: nuovo album a ottobre? Il boss dell'etichetta smentisce

Taylor Swift: nuovo album a ottobre? Il boss dell'etichetta smentisce

Molti fan di Taylor Swift, da qualche tempo, sperano e teorizzano che nel mese di ottobre del 2016 la voce di "1989" potrebbe pubblicare un nuovo album (il quinto). La voce, però, è evidentemente giunta alle orecchie nientemeno che di Scott Borchetta, boss incontrastato della Big Machine Records - ossia l'etichetta per cui Taylor incide.

Borchetta si è preso la briga di smentire via Twitter questi rumour, scrivendo lapidariamente "NO" in risposta a un thread di discussione appunto sull'ipotetico disco in uscita a ottobre:

"1989" è uscito nell'ottobre del 2014 ed è stato un successo planetario (ha vinto peraltro il Grammy come album dell'anno). A dicembre del 2015, quando il tour promozionale per il disco si è concluso, la Swift ha dichiarato a "NME" di volersi prendere una pausa dalla musica:

Credo che dovrei staccare un po'. Penso che la gente ne abbia abbastanza di me. Farò... non so cosa. Starò con gli amici. Scriverò musica. O magari no. Non saprei.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.