Fausto Leali, nuovo album con Mina, De Gregori, Baglioni, Ranieri, Ruggeri, Tozzi, Britti e Arbore

Fausto Leali, nuovo album con Mina, De Gregori, Baglioni, Ranieri, Ruggeri, Tozzi, Britti e Arbore

Discograficamente fermo alla raccolta "Il meglio di Fausto Leali", uscita nel 2013, il negro bianco della musica italiana consegnerà al mercato il prossimo autunno un nuovo album in studio le cui lavorazioni lo hanno visto condividere lo studio di registrazione insieme ad alcuni illustri colleghi: tra questi ci sono anche Mina, Francesco De Gregori, Claudio Baglioni, Massimo Ranieri, Enrico Ruggeri, Renzo Arbore, Umberto Tozzi e Alex Britti. Il disco, del quale non si conosce ancora il titolo, uscirà in ottobre per la Nar con distribuzione Universal: lo ha annunciato lo stesso Fausto Leali in concerto in Vallecamonica, come riferiscono alcuni quotidiani locali. Con questo album, Leali potrebbe festeggiare i suoi primi 55 anni di carriera (era il 1961 quando il cantante pubblicava per la Nuova Enigmistica Tascabile il 45 giri "Il mondo si Suzie Wong/Veleno dolce"), ma la voce di "Mi manchi" ha fatto sapere in un'intervista a Bresciaoggi che "non sarà una celebrazione":

"Niente di nostalgico, per carità! Siamo al lavoro da un po', è vero. Saremo sul mercato fra un paio di mesi. Uscirà in ottobre, credo a metà mese. L’etichetta, la Nar, si appoggia alla Universal, che non si limiterà a distribuire il disco: ha garantito subito una partecipazione viva e attiva al progetto".


In merito al contenuto del disco, il cantante ha detto:

"Per ora, mantengo il riserbo. Preferisco così. Dico soltanto che abbiamo scelto e sceglieremo soltanto i brani che abbiamo realmente voglia di proporre. E aggiungo che nessuno degli artisti coinvolti ha storto il naso, all’idea di reinterpretare pezzi di terzi. Tutti ben disposti e aperti, tutti avanti insieme e di comune accordo. Secondo te? Cosa ne pensi? è sempre stato il mio approccio. Ma è stato anche il loro, perché io ero apertissimo a ogni suggerimento".


Del duetto tra Fausto Leali e Mina si era parlato già la scorsa estate, quando ne aveva riferito il fan club ufficiale della tigre di Cremona. I due, lo ricordiamo, unirono le loro forze già nel 1986, registrando insieme "Via di qua". Leali e Mina, per il nuovo album del cantante, non avrebbero inciso un inedito, ma un vecchio successo. Con Francesco De Gregori, invece, il cantante di Nuvolento potrebbe aver inciso il duetto sulle note di "A chi" già proposto dal vivo lo scorso anno all'Arena di Verona durante il concerto dedicato ai quarant'anni di "Rimmel", al quale Leali aveva partecipato in veste di ospite.

Baglioni potrebbe essere co-protagonista della registrazione del duetto su "Solo lei" che i due avevano portato sul palco di O'Scià (la manifestazione organizzata dal cantautore romano a Lampedusa fino a qualche anno fa) nel 2010, mentre insieme a Umberto Tozzi Leali potrebbe aver inciso "Io camminerò", canzone scritta dallo stesso Tozzi e interpretata separatamente sia dallo stesso Leali nel 1976 (che la incise per l'album omonimo) che dal suo autore (la inserì nel suo primo album, "Donna amante mia", pubblicato sempre nel 1976).

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.