Usa, la Corte Suprema scagiona i provider e dà torto alla discografia

Gli Internet Service Provider non sono tenuti a rivelare l’identità dei loro utenti sospettati di atti di pirateria on-line: lo ha stabilito la Corte Suprema degli Stati Uniti, confermando una sentenza che già l’anno scorso aveva dato ragione alla società di telecomunicazioni Verizon e torto alle case discografiche (vedi News).
Era stato lo stesso provider americano a portare il caso davanti ai tribunali contestando la norma di legge che dal 1998, anno di promulgazione del cosiddetto Digital Millennium Copyright Act, imponeva a servizi peer-to-peer e fornitori di servizi Internet di trasmettere, su richiesta, i dati personali relativi ai loro clienti. La pronuncia della Corte non è un segnale di buon auspicio per la RIAA (l'organizzazione dell'industria discografica), che solo pochi giorni fa aveva annunciato un imminente ricorso alla stessa massima autorità giudiziaria Usa per far dichiarare fuorilegge i servizi di file sharing Grokster e StreamCast Networks/Morpheus (vedi News).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.