Audioslave: reunion possibile, per il batterista Brad Wilk

Audioslave: reunion possibile, per il batterista Brad Wilk

Brad Wilk - ex Rage Against The Machine, poi Audioslave e ora dietro alle pelli nel supergruppo Prophets of Rage - in una recente intervista si è detto molto possibilista a riguardo di una reunion degli Audioslave, ossia la band che lo vedeva, insieme ai colleghi Tom Morello e Tim Commerford, insieme a Chris Cornell (Soundgarden, Temple of the Dog).

Fra il 2002 e il 2006 il gruppo ha pubblicato tre album, per poi sciogliersi all'inizio del 2007, con l'uscita di Cornell dalla formazione per le classiche divergenze musicali; ora, Wilk, parlando con "Alternative Nation", ha confermato che ci sarebbero "buone possibilità" di reunion, in un futuro prossimo, per gli Audioslave.

Le sue parole sono state:

Assolutamente sì, la possibilità di fare ancora musica con Chris per noi è sempre aperta. Non credo che nessuno di noi nutra rancore nei confronti degli altri, nella band.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.