I DJ set hanno rotto

I DJ set hanno rotto

Un qualunque luogo in centro a Milano. Si sta per inaugurare un negozio temporaneo di un marchio abbastanza noto, in un posto di moda, all’aperto, in zona abitata.
All’ora dell’aperitivo inizia il DJ Set. Il ragazzo è in un angolo, su una pedana costruita in maniera artigianale: una tavola di legno, appoggiata su un supporto per tastiera, coperta da un telo nero. Sopra una console, piccola. Se ascolti la musica e fai attenzione ai gesti, ti accorgi che sta facendo finta. Chiedo a chi ha organizzato l'evento:
il DJ set è in playback: la musica va da sola, a tutto volume. il DJ fa scena.

"DJ set in playback": fa ridere solo a dirlo, vero? Ma è una scena  che ho visto succedere di persona: situazioni (reali) come questa si vedono ovunque, non solo a Milano. Non solo club, ma bar e locali, centri commerciali, spiagge, piscine. Un evento? Mettiamo un DJ set. Inauguriamo un locale? Facciamo un DJ set. La presentazione di un prodotto o di una qualsiasi iniziativa commerciale? DJ Set!

L’idea diffusa è che il DJ set attiri gente - per quello che mi riguarda, la fa solo scappare. Perché per lo più sono fatti male:  sono semplicemente riempitivi inutile e dannosi di brutti eventi, musica terribile messa a volumi forti, inflitta a chiunque si trovi a tiro - solitamente di centinaia e centinaia di metri, visti i decibel.

Non si scappa più: il DJ set da tempo è uscito dai club e dai locali per invadere le città. Il DJ set è come quelle persone che parlano a voce alta in treno, in metropolitana, o in qualsiasi situazioni pubblica, che ci tengono a far sapere a tutti i fatti propri.

Si, lo so, che  i DJ sono le nuove rockstar, e non da oggi o da ieri: lo show musicale più visto in Italia nei primi sei mesi del 2016 è stato quello di Paul Kalkbrenner a Bologna. Anche se spesso questi DJ fanno finta pure loro (ricordate la polemica sugli show fatti con le chiavette USB?) - ma almeno lì vai per vedere e sentire la star, per assistere ad uno spettacolo fatto anche e soprattutto di visual. Il DJ set "diffuso" invece te lo trovi ovunque.

Oggi c’è la fila per diventare star della console. La terza edizione di “Top DJ” - il talent dedicato alle nuove leve della console - è passato dal satellite ad una rete generalista, Italia 1: l’ennesimo segno, per chi ne avesse ancora bisogno, dello status "aspirazionale" della figura DJ. Come scriveva, qualche giorno fa, un amico su Twitter:

 

La richiesta di DJ set ha generato una sovrabbondanza di DJ improvvisati, che vanno dall’amico che fa lo “sfuma-musica” sui piatti, ai cantanti pop-rock che fanno presenza ad un evento facendo finta di mettere musica.

 

Chi ci perde?
Ci perdono i DJ veri, quelli che lo fanno da professionisti. In giro ci sono tanti DJ bravi che mettono musica con un’idea, quelli che vai a sentire e ti viene da ringraziare perché ti fanno ascoltare belle canzoni, accostamenti o mix che non avresti mai immaginato.

"Ha perso la città", come dice una canzone dell'ultimo disco di Niccolò Fabi. L’esplosione dei DJ set ha contribuito a rendere l’ambiente metropolitano un luogo  in cui il silenzio è un lusso, e la scelta attiva della musica pure.  La musica ci è sempre arrivata in maniera passiva, sia chiaro: le radio, la televisione musicale, a casa o diffuse nei locali. Ma ormai, da qualche tempo, con i DJ set siamo ad un altro livello.

E soprattutto ci perdono le nostre orecchie, continuamente maltrattate da inquinamento acustico, suoni molesti e non richiesti, anzi ostentati con la scusa di attirare gente per scopi commerciali.

Vi dò una notizia, cari organizzatori di "eventi": se avete qualcosa di bello da dire, o far vedere, la gente arriva lo stesso, senza il DJ set. Se la gente vuole ballare o ascoltare musica a tutto volume, va in un un club o in un locale, a sentire i DJ professionisti.

 

Chi fa o organizza un DJ set farlocco avvelena anche le tue orecchie, digli di smettere!

 

(Gianni Sibilla)

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.