Arrestato il capo della Siae russa

Arrestato il capo della Siae russa

Il capo della RAO, la società di collecting russa omologa alla SIAE, è stato arrestato per sospetta frode. Sergei Fedotov è accusato di avere utilizzato parte delle royalties raccolte dalla RAO per acquistare proprietà poi trasferite a terzi. Per quanto la RAO sostenesse che l'indagine alla quale era da tempo sottoposta non avesse rilevato irregolarità nelle transazioni sotto accusa (per un valore intorno ai 500 milioni di rubli, pari a circa 25 milioni di euro), risulta che l'arresto di Fedotov sia avvenuto lo scorso lunedì dopo la perquisizione del suo ufficio e della sua abitazione.

La RAO era assurta alle cronache dell'industria la scorsa estate, quando sembrava imminente la sua fusione con la federazione dei discografici russa, la VOIS, e con la società di riscossione RSP: il progetto di creazione di una super-struttura nazonale per la gestione dei diritti era poi fallito lo scorso autunno.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.