Un 'diamante pazzo' chiamato Syd Barrett - VIDEO GALLERY (1 / 12)

Un 'diamante pazzo' chiamato Syd Barrett - VIDEO GALLERY

Anche senza voler scadere nell'aneddottistica spicciola, quella che strappa il commosso ricordo - come la spettrale epifania ad Abbey Road durante le session di "Shine on you crazy diamond", o gli 80 chilometri percorsi a piedi per tornare da Londra a Cambridge nei primi anni Ottanta - ma non aggiunge nulla a una delle vite più folgoranti, intense ed enigmatiche che abbiano mai attraversato il firmamento del rock and roll, è pressoché impossibile dire qualcosa su Syd Barrett che non sia già stato detto. All'anagrafe il genio visionario e mina vagante che ha reso i Pink Floyd una delle band più importanti di sempre ha chiuso i conti con questo mondo il 7 luglio 2006, ma - per la verità - il diamante pazzo nato a Cambridge il 6 gennaio 1946 aveva smesso di brillare già da tempo, più o meno dai primi anni Settanta, quando il peso dell'esistenza iniziò a schiacciarlo facendolo avvitare su una china durata, volendo, fin troppo.

"E' stato il nostro faro nei primi giorni della band e ci ha lasciato un’eredità che continua ad ispirarci", dichiararono i suoi compagni apprendendo della sua scomparsa, e sentiamo di dire che ogni altra parola sia superflua. Di sicuro, se la vita e la carriera di Syd Barrett possono ancora insegnare qualcosa, è che la Storia (quella del rock, d'accordo, ma sempre con la "s" maiuscola), per quanto si possa cercare di codificarla, addomesticarla e prevederla, nasce sempre da una scintilla di follia impossibile da ricreare. Scintilla che qualche volta scatena un'incendio, nel quale qualcuno può correre il rischio di finire bruciato, ma che inevitabilmente, e malgrado tutto, il suo segno negli annali lo lascia sempre.

Rockol vi offre una selezione dei suoi migliori brani, sia da solista che con i Pink Floyd: buon ascolto!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.