Pakistan, ucciso dai talebani il cantante Qawwali Amjad Sabri ritenuto 'blasfemo'

Pakistan, ucciso dai talebani il cantante Qawwali Amjad Sabri ritenuto 'blasfemo'

In questo periodo di grande difficoltà per il mondo intero la violenza e la morte si abbatte con una ferocia inaudita sulla cittadella della musica a tutte le latitudini. A Orlando lo scorso 11 giugno abbiamo versato lacrime per l’uccisione della 22enne Christina Grimmie, a Chicago il 45enne ‘Jano’ Fuentes è stato freddato con tre colpi alla testa, oggi l’orrida notizia giunge dal Pakistan. E’ stato ucciso nella capitale Karachi, colpito da colpi d’arma da fuoco sparati contro la sua automobile da due sicari a cavallo di una motocicletta, Amjad Sabri. Il cantante, molto celebre nel suo paese, era un esponente del Qawwali, stile musicale derivatito dalla scuola islamica del sufismo, si stava recando in televisione per registrare un programma.

Come riporta La Repubblica, gli investigatori pakistani definiscono questo attentato un ‘atto di terrore’. Sabri era molto conosciuto anche fuori dai patri confini, per la sua voce e per il messaggio di pace dei suoi testi. L’assassinio è stato rivendicato dai talebani pakistani che hanno accusato il musicista di essere blasfemo.

Amjad si è esposto più di una volta urtando la ‘suscettibilità’ dei fondamentalisti. Non molto tempo fa partecipò a un incontro per raccogliere fondi destinati ai familiari delle vittime di un attentato rivendicato dai talebani. E in molte occasioni ha subito minacce, tanto da avere richiesto una scorta. Richiesta che le autorità negano di avere mai ricevuto.

Caricamento video in corso Link

 

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.