La musica è cambiata: ai Grammy anche i dischi usciti esclusivamente in streaming

La musica è cambiata e i Grammy Award, tra i premi musicali più prestigiosi ed importanti non solo negli Stati Uniti ma anche a livello mondiale, devono stare al passo con i tempi. Se prima di oggi le regole della National Academy of Recording Arts and Sciences, organizzazione composta da musicisti, produttori e altre personalità del mondo della musica che conferisce i Grammy Awards, impedivano a dischi usciti esclusivamente in streaming di ottenere candidature nelle varie categorie dei premi, a partire dall'edizione del 2017 potranno invece concorrere alle nomination. Quando si parla di dischi usciti esclusivamente in streaming ci si riferisce agli album usciti prima su Spotify, Apple Music e Tidal (non su iTuenes) ed eventualmente in formato fisico. Per fare qualche esempio: l'ultimo disco di Beyoncé, "Lemonade", uscito in esclusiva streaming su Spotify lo scorso 23 aprile e disponibile in formato fisico nei negozi solo dal 6 maggio; oppure "Coloring book" di Chance the Rapper, che ha debuttato in esclusiva su Apple Music per poi uscire nei negozi un paio di settimane dopo.

È stato proprio Chance the Rapper a spingere gli organizzatori dei Grammy ad accogliere la novità. Il rapper di Chicago ha scritto con "Coloring book" una pagina importante della storia della musica in streaming, riuscendo ad entrare all'ottavo posto della classifica statunitense solamente con le riproduzioni in streaming (circa 57,3 in una settimana, corrispondenti a 38.000 copie vendute). Chance the Rapper, in seguito al successo ottenuto con il suo ultimo disco, aveva lanciato una petizione in rete che è stata firmata da tanti utenti, fino ad essere finalmente accolta. Il vice-presidente della National Academy of Recording Arts and Sciences, Bill Freimuth, ha detto a tal proposito:

"Abbiamo notato che c'erano un certo numero di artisti di alto profilo che hanno scelto di pubblicare la loro musica esclusivamente in streaming, e noi non volevamo escluderli".



Questa apertura nei confronti dei dischi usciti in esclusiva streaming è accompagnata da una serie di altre novità relative alle categorie e alle votazioni dei Grammy Awards: tra le altre, è stato portato il numero dei membri votanti da 15 a 20 ed è stata suddivisa in due la categoria "Best blues album" (ora c'è sia la "Best traditional blues album" che la "Best contemporary blues album").

Le canzoni e i dischi pubblicati tra il 1° ottobre 2015 e il 30 settembre 2016 potranno ottenere nomination nelle varie categorie dei Grammy Awards 2017. Tutte le nomination verranno annunciate il prossimo 6 dicembre, mentre la cerimonia di consegna dei premi si terrà il prossimo 12 febbraio a Los Angeles.

Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.