Hackers all'attacco, distrutta metà del nuovo album di Daniel Bedingfield

Hackers all'attacco, distrutta metà del nuovo album di Daniel Bedingfield
Ignoti pirati informatici sono riusciti a penetrare nel laptop di Daniel Bedingfield e a distruggere cinque nuovi brani che il musicista aveva composto per il suo secondo album. Il fatto è avvenuto alcune settimane fa, ma l'ex enfant prodige australiano, molto conosciuto in Gran Bretagna, ne ha dato notizia solo ora. La pubblicazione del CD, "Second first impression", era programmata per il prossimo novembre; adesso non si sa quando l'album potrà uscire. "Il laptop sul quale c'erano le nuove canzoni è sempre connesso ad Internet; un bersaglio facile", ha riferito una fonte al giornalista britannico Joe Mott. Tra i pezzi distrutti c'erano le canzoni "Show me the real you" e "I'll do it again". Fortunatamente il 24enne aveva dei demo, anche se appena abbozzati, dei pezzi; in ogni caso il lavoro ha subito un rallentamento di alcune settimane. Il primo singolo tratto dal suo nuovo album s'intitola "Nothing hurts like love".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.