I conti della serva: a un autore servono 228 milioni di streaming per avere un salario pari a un dipendente di Spotify

I conti della serva: a un autore servono 228 milioni di streaming per avere un salario pari a un dipendente di Spotify

Secondo i conti fatti da "The Trichordist" (sito che si occupa dei diritti degli autori e dei musicisti, per un trattamento equo ed etico di queste figure professionali), a un autore che affidi a Spotify la propria musica, servirebbero ben 288.104.634,15 ascolti annuali per guadagnare l'equivalente dello stipendio lordo medio di un dipendente della piattaforma. 

Stando al report annuale diffuso da Spotifty, infatti, lo stipendio lordo medio percepito dai dipendenti è di 168.747 dollari ovvero 151.180 Euro (la cifra comprende le ritenute pensionistiche, le tasse pagate alla fonte e tutte le altre eventuali trattenute); considerando che mediamente un autore riceve 0,00058 dollari per ogni ascolto in streaming, la divisione è presto fatta.

Si tratta di calcoli effettuati su numeri medi, quindi non esattamente precisi - ma sufficienti a far notare a "The Trichordist" che il compenso offerto da Spotify pare decisamente "magro".

 

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.