Florence Welch canta in ospedale a Austin per un ragazzo malato - VIDEO

Florence Welch canta in ospedale a Austin per un ragazzo malato - VIDEO

Lo scorso venerdì Florence Welch e il chitarrista dei Florence and The Machine Rob Ackroyd si sono recati in ospedale a Austin (Texas) per suonare al capezzale di un fan quindicenne in possesso del biglietto per il concerto della band inglese, che, a causa della malattia, era impossibilitato a presenziare al live. I due musicisti hanno cantato “Dog days are over” e “Shake it out”.

Nella didascalia del video caricato su YouTube dall’hospice di Austin si legge: "Oggi abbiamo avuto il privilegio di assistere alla gioia di una stanza piena di ragazzi cantare con Florence Welch e con il chitarrista Rob Ackroyd dei Florence and The Machine che è venuto al Christopher House Hospice di Austin per fare un concerto privato per un adolescente che ha perso il suo concerto a causa della malattia. La stanza era piena, piena di gioia e di calore e di amore e di vita e di canto. Grazie, Florence!".



Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.