Secondary Ticketing, Ticketbots: ecco come funziona un robot acchiappa-biglietti

Secondary Ticketing, Ticketbots: ecco come funziona un robot acchiappa-biglietti

Non è un mistero che intorno intorno al tema del secondary ticketing, una materia che Rockol segue da sempre con dovizia di particolari, la pressione stia montando. Non è una spinta proveniente solo dal basso (le lamentele dei consumatori): nella polemica è ormai coinvolta l’intera filiera di settore, la cui credibilità risulta ogni giorno più colpita dalla commistione di offerte e partecipazioni tra chi opera nel “primary” (vendite ufficiali a prezzo fisso) e “secondary” (rivendite a prezzo variabile). A livello comunitario e europeo aumentano le iniziative per intervenire a favore di una maggiore trasparenza e a vantaggio del consumatore. In Gran Bretagna, ad esempio, è attesa per la fine di questa settimana la pubblicazione di un’analisi commissionata dal governo sull’attività di secondary ticketing: il comitato parlamentare presieduto dal professor Michael Waterson dovrebbe avere rivolto particolare attenzione ai leader di mercato del secondary ticketing britannico: StubHub, ViaGogo, Seatwave e GetMeIn.

Da qualche giorno, però, trattare la materia come un mistero avvolto nella nebbia è diventato del tutto inappropriato, essendo stata portata alla luce almeno una piattaforma (sorge spontanea la forte impressione che si tratti solo di une delle varie disponibili) a disposizione di chiunque voglia ramazzare biglietti da riproporre sul mercato secondario. Una suite tecnologica  completa ma dal tocco umano, che consente di accelerare il sold out online e che opera in regime di B2B (“business to business”).

Ticketbots.net è domiciliata a Panama e propone al mercato un software che elude i servizi di sicurezza dei rivenditori ufficiali ricorrendo a “bots”, robot che si accaparrano quantità di biglietti non appena vengono messi in vendita online. In una descrizione commerciale sul prodotto si legge, tra l’altro: “Il bot si accaparra centinaia di biglietti per ciascun evento simultaneamente e lascia scegliere quali acquistare con un singolo click”.

 

Dobbiamo estendere i nostri complimenti all’Observer per avere frodato la macchina da frode, riuscendo a illuminare un meccanismo che certamente non giunge come una sorpresa ma che ora è almeno qualcosa che esiste ufficialmente. Una prima conseguenza? Da ieri ha Ticketbots ha cominciato a difendersi, rendendo la sua proposta commerciale un po’ meno aperta a tutti, cercando di nascondersi un po’ meglio: il suo tutorial, candidamente da sempre presente su YouTube, non è infatti più disponibile online...

Ma qualcosa sul suo funzionamento siamo riusciti a capirlo. La suite, tra gli altri strumenti, utilizza i seguenti:

- un elusore di “captcha”: i captcha sono quelle sequenze di lettere e cifre proposte in grafica nei moduli di compilazione (per login, per e-commerce etc) che l’utente deve leggere e a sua volta inserire via tastiera per dimostrare, appunto, di non essere un robot;

- un “PDF copier”: un software che consente di duplicare il barcode di un biglietto producendo agevolmente tagliandi falsi (il che lancia di per sé un allarme a tutti coloro che, con le migliori intenzioni, sbandierano sui social che andranno al concerto X pubblicando la foto dei loro biglietti);

- uno “spinner”: un meccanismo che permette di mettere istantaneamente in vendita sul sito di secondary ticketing cliente i biglietti appena “sequestrati” dalla piattaforma di vendita ufficiale;

- un “drop checker”: un sistema di monitoraggio che consente al cliente di acquisire biglietti che risultano richiesti o ricercati dagli utenti finali, grazie a un algoritmo.

 

La tecnologia, da sempre, guida i cambiamenti. Lo sa l’industria discografica per prima, che esiste non per iniziativa di artisti ma per l’invenzione del grammofono da parte di Edison. Nessuna sorpresa, quindi, che si vada incontro a fasi cicliche nelle quali la normativa insegue e, nel frattempo, operatori esterni al settore diano vita a profittevoli aree grigie, salvo poi convergere nel sistema in un prevedibile movimento di fusioni e acquisizioni. E nessuna sorpresa che il secondary ticketing piaccia ai media, perché lo sporco fa sempre notizia e perché l’industria dei media è a sua volta sconvolta dalle innovazioni digitali che ne disintegrano e rivoluzionano i modelli di business preesistenti.  

Ma da addetti ai lavori dovremmo soprattutto rilevare che, insieme al levarsi di legittime proteste, abbondano posizioni indegne e vergognose. Se le ipocrite partecipazioni delle multinazionali del ticketing in “secondary companies” vi sembrano poco, le false lobby potrebbero farvi cadere le braccia: pensate a Fan Freedom UK, ufficialmente un sito nato dai fans e per i fans allo scopo di permettere agli individui di vendere liberamente sul mercato i propri biglietti senza incorrere in sanzioni o in accuse di bagarinaggio che, si è poi appurato, è stato finanziato da StubHub… (per la cronaca, proprietà di eBay).

Attendiamo dunque fiduciosi e curiosi le prime conclusioni del professor Waterson & Co. E continuiamo a chiederci perché, nell’interesse dei consumatori, non si facciano passi avanti nella direzione di un autentico “dynamic market”, un marketplace in qualche modo simile a quello del turismo in cui i prezzi oscillino, sì, ma anche verso il basso.

(gdc)

 

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.