Matteo Renzi sceglie Patti Smith per la campagna in vista del referendum di ottobre: ma lei lo saprà? Tutte le volte che l'artista si è dissociato dall'utilizzo (politico) del suo lavoro... (2 / 10)

Uno dei casi più clamorosi risale al 1984, quando Ronald Reagan, uno dei presidenti americani più repubblicani della fine del secolo scorso, utilizzò per la sua campagna elettorale "Born in the USA" di Bruce Springsteen, che non è esattamente un inno al liberismo più sfrenato. Quando il Boss se ne accorse, tuonò contro lo staff presidenziale, che abbozzò una difesa ridicola - "lui è d'accordo con noi" - poi subito smontata dal manager del cantante, Landau, che chiese ed ottenne la rimozione del brano dalla campagna elettorale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.