Metal for the Masses: la playlist per una giornata a tutto volume

Metal for the Masses: la playlist per una giornata a tutto volume

Cosa è il metal? Se lo chiedevano, negli anni Ottanta, i redattori di "Kerrang!" in un numero epocale (l'edizione inglese originale, ovviamente: all'epoca c'era solo quella, che si trovava per miracolo in qualche edicola di stazione o in pochissimi negozi illuminati, che ne tenevano un paio di copie, magari vecchie di mesi).

Le risposte furono molte e variegate, alcune illuminanti, altre più impalpabili, a dimostrazione della vastità dell'universo che ci piace chiamare heavy metal. Ma alla fine il modo migliore - come spesso accade nella vita - per inquadrare un concetto è sporcarcisi le mani (nel nostro caso... le orecchie!).

Per cui, ipotizziamo di voler spiegare il metal a una mente immacolata: è un ottimo esercizio, anche per riavvicinarsi ai grandi classici. E poi trovare una serie di brani emblematici per una playlist davvero iconica non è cosa facile! Non possono mancare i veri giganti (Judas Priest, Iron Maiden, Metallica, Ozzy, Scorpions), ma una buona fetta della selezione va riservata alle leve delle generazioni successive, che hanno letteralmente inventato o perfezionato nuovi sottogeneri, declinato in maniera personale l'esistente oppure semplicemente portato oltre l'eccellenza quanto plasmato dai padri fondatori.

Siete pronti a un'esperienza davvero heavy? Ecco la nostra playlits Metal for the Masses

1 – Judas Priest, “Breaking the law”
2 – Ozzy Osbourne, “Crazy Train” (live)
3 – Quiet Riot, “Metal health”
4 – Scorpions, “Rock you like an hurricane”
5 – Queensryche, “Arrow Time”
6 – Iron Maiden, “The number of the beast”
7 – Megadeth, “Mechanix”
8 – Suicidal Tendencies, “You Can’t bring me down”
9 – Alice In Chains, “Man in the box”
10 – Black Sabbathm “Paranoid”
11 – Korn, “Blame”
12 – Rage Against The Machine, “Killing in the name”
13 – Motorhead, “The one to sing the blues”
14 – Paradise Lost, “No hope in sight”
15 – Arch Enemy, “No gods no master”
16 – Lacuna Coil, “Heaven’s a lie”
17 – Bullet For My Valentine, “Tears don’t fall”
18 – Bring me the horizons, “Throne”
19 – In Flames, “Cloud connected”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.