Neil Young: la curiosa storia di "This note's for you" che nel 1989 è video dell'anno per Mtv senza essere trasmesso (perchè censurato) da Mtv - VIDEO

Neil Young: la curiosa storia di "This note's for you" che nel 1989 è video dell'anno per Mtv senza essere trasmesso (perchè censurato) da Mtv - VIDEO

La narrazione della mitologia rock si alimenta continuamente ed è fonte di aneddoti e storie che con il passare del tempo sconfinano nella leggenda, come, ad esempio, quella del fattaccio passato agli atti come ’Mud shark’ che vide protagonisti quei ragazzacci dei Led Zeppelin. A seguire ne racconto una, molto meno pruriginosa, che riguarda Neil Young accaduta alla fine degli anni ottanta.

Gli anni ottanta sono stati per il musicista canadese il decennio più difficile e tormentato di una lunga e straordinaria carriera che proprio in questi giorni si arricchisce di un nuovo capitolo intitolato ”Earth” . Negli eighties Young pubblica album poco compresi dalla critica e, cosa ben più importante, dal suo affezionato pubblico. Nel 1981 “Re-ac-tor” è la sua ultima uscita con la Reprise Records, sua storica etichetta, che lascerà per accasarsi alla Geffen. Nel 1982 esce “Trans”, un album di musica elettronica che spiazza tutti (in primis proprio la nuova casa discografica che avrebbe voluto un disco nello stile del cantautore). L’anno seguente “Everybody’s rockin’” è un disco di puro rockabilly anni cinquanta. Il rapporto con la Geffen si incrina. L’etichetta accusa l’artista di avere tradito il proprio spirito musicale, il musicista canadese sostiene che non si può ingabbiare la creatività di un artista. Nel 1985 le cose non migliorano molto, Young esce con “Old ways” un album che cambia ancora la direzione musicale che abbraccia il country con una fila di collaborazioni, anche prestigiose, da fare impallidire i titoli di coda di un lungometraggio. La pace non arriva neppure con “Landing on water”, del 1986, forse considerato il punto più basso della sua carriera discografica. Con la Geffen è sempre braccio di ferro. Puntuale come un orologio svizzero, forse per chiudere il prima possibile con la casa discografica, Young pubblica un album all’anno. Così si arriva al 1987 quando viene pubblicato “Life”, l’ultimo disco targato Geffen Records che contiene la canzone “Prisoners of rock’n’roll”, sorta di ironico addio a David Geffen.

Sarà del tutto casuale anzichenò, ma il riapprodo alla Reprise porta beneficio a Neil Young. Il girovagare tra un genere musicale e un altro, però, non può dirsi ancora terminato. Nel 1988 esce “This note’s for you” che si giova di fiati e gravita dalle parti di soul e rhythm and blues. Il video della title track gli porterà in dote il premio Mtv Video of the year 1989. Poi, nel 1989, con i due album “Eldorado” e “Freedom” tornerà alle sonorità per lui più classiche. “Freedom” contiene la canzone manifesto “Rockin’ in the free world” che lo riporterà sulla cresta dell’onda. Di lì a poco inizieranno gli anni novanta che porteranno all’esplosione del grunge di cui lui, in modo sicuramente non richiesto, fu riconosciuto come uno dei padrini.

La curiosa storia che riguarda Neil Young è legata al citato premio conferitogli il 6 novembre 1989 da Mtv in qualità di video dell’anno. E’ curiosa perchè il video di “This note’s for you”, diretto da Julien Temple, primeggiò nella classifica di fine anno tra il pubblico del canale musicale che allora aveva soli otto anni di vita, nonostante lo stesso canale televisivo lo avesse messo al bando - non trasmettendolo per un lungo periodo – poichè, sosteneva, menzionare prodotti commerciali nelle canzoni era contro la politica del network. Ma la vera ragione, disse Neil Young stava nel messaggio della canzone. Con una mossa alquanto accorta, quando Mtv mise al bando il video l’entourage del cantante spedì 1500 copie del video a tutti i canali di informazione degli Stati Uniti ottenendo una grande esposizione mediatica per la canzone e per il video che la accompagnava.

Queste sono alcune parole del testo della canzone: “Ain’t singin’ for Pepsi
Ain’t singin’ for Coke
I don’t sing for nobody
Makes me look like a joke
This note’s for you”

All’epoca il connubio tra musica e multinazionali era – anche agli occhi del pubblico - molto meno sdoganato di quanto non lo sia ora, e la canzone di Young prendeva le parti della musica. E lo faceva anche con le immagini del video che metteva alla berlina chi invece aveva ceduto al ‘diavolo’ e aveva venduto la propria anima. Nella clip vi è quindi la parodia dell’incidente avuto da Michael Jackson nel 1984 che, mentre girava uno spot per la Pepsi, vide i propri capelli prendere fuoco. Nella clip la parodia prosegue con una sosia di Whitney Houston che spegne le fiamme versando un bicchiere della rivale Coca Cola. Chiaramente Michael Jackson non la prese benissimo e pensò di querelare Neil Young. La cosa spinse Mtv a ritirare dalla programmazione il filmato della canzone. La risposta di Young non si fece attendere, inviò una lettera al network televisivo dove, tra le altre cose, scriveva: “Cosa significa la M di MTV? Music or money?”. E definendo senza mezzi termini i loro dirigenti ‘cretini senza spina dorsale’. Ironicamente, un anno più tardi, Neil Young era sul palco degli MTV Video Music Awards a ritirare il premio per il miglior video musicale dell’anno.
E vissero tutti felici e contenti? Più o meno. Pare che l’audio della voce del cantautore durante il suo discorso di accettazione del premio fu vessato da un problema tecnico. E che non fu casuale.

(Paolo Panzeri)

Scheda artista Tour&Concerti Testi
JIMI HENDRIX
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.