Concerto del Primo Maggio 2016 a Roma, parla l'organizzatore Massimo Bonelli. Il cast, i costi e il contest per i giovani

Concerto del Primo Maggio 2016 a Roma, parla l'organizzatore Massimo Bonelli. Il cast, i costi e il contest per i giovani

Rockol ha incontrato nel backstage del Concertone di Piazza San Giovanni l'organizzatore dell'edizione 2016 del Concerto del Primo Maggio a Roma, Massimo Bonelli.

Quali sono le tue impressioni in merito a questa edizione del Concertone?
"La cosa che più mi fa piacere è che tutte le persone che sono venute mi hanno detto: 'Sta tornando il Primo Maggio dei bei tempi'. Questo è il più grande successo. Stiamo cercando di riportare in alto questo evento. Abbiamo un cast che sta in piedi anche se paragonato al cast del Concertone di altri anni, che aveva budget più alti. Speriamo di poter proseguire serenamente questo corso di ricollocazione del Concerto del Primo Maggio. L'anno scorso siamo entrati a marzo, abbiamo messo insieme quello che c'era in cucina: abbiamo aperto il frigorifero e preso quello che c'era. Quest'anno, invece, abbiamo 'fatto la spesa'".

Ma quanto costa il Concertone?
"Costa tanto, ma in realtà costa poco: avevamo a disposizione circa un terzo del budget degli anni d'oro. Non è successo niente di clamoroso: semplicemente, è cambiato il modo con il quale gli sponsor investono. La comunicazione è cambiata: ora vanno per la maggiore le campagne sui social. La Samsung, ad esempio, quest'anno ha lanciato una campagna sul cyberbullismo, uno dei temi al centro dell'evento, sui social. Sono semplicemente cambiati i tempi: prima si sponsorizzavano gli eventi, ora si sponsorizzano altre cose".

Come definiresti il cast di questa edizione?
"C'è una linea, ci sono artisti di un certo tipo. È una scelta, perché il Primo Maggio è questo palco qui. La musica italiana ha tanti palchi, tutti legittimi e belli, e ognuno di questi rappresenta un tipo di scena musicale.  Il Concertone, secondo me, lo dico da amante (da ragazzino, negli anni '90, ci venivo come fan), comincia a somigliare al Primo Maggio che io ho in testa. C'è molta più musica e meno parlato: è un concerto. Volevamo fosse esattamente questo: è un concerto ed è un certo tipo di concerto. Skin è una figura trasversale: ha fatto X Factor ma è la cantante di un gruppo seminale della musica degli anni '90 come gli Skunk Anansie".

Petra Magoni ha omaggiato Prince, accompagnata dall'Orchestra Operaia, sulle note di "Purple rain".
"La scomparsa di Prince è avvenuta pochi giorni fa, quindi l'omaggio è stato fatto con l'enfasi che meritava. Ci siamo incontrati con Petra e ci sembrava la persona giusta per questo omaggio: lei è stata contentissima. Abbiamo deciso di collocarlo in apertura di serata".

Al vincitore del contest 1MNEXT, che è Il Geometra Mangoni, come è stato annunciato durante la premiazione verranno offerte alcune opportunità: quali sono i progetti che avete in mente legati a questo contest?
"Anzitutto abbiamo creato un collegamento con Area Sanremo. È nata una partnership, la stiamo ufficializzando. Abbiamo buttato giù una lettera d'intenti che ora finalizzeremo e rafforzeremo: questo 'collegamento' consiste in una vicinanza di presupposti. Il vincitore del contest verrà iscritto gratuitamente ad Area Sanremo ed entrerà a far parte della rosa dei 40 finalisti del concorso. Area Sanremo è l'unica branca 'indipendente' di Sanremo, è una selezione non legata a quella ufficiale. Ci sono tanti altri progetti che stiamo pianificando ma che non sono stati ancora definiti del tutto, tra cui quattro esibizioni a festival estivi organizzati dalla Rete dei Festival. E stiamo ragionando anche ad un tour nei club che vedrebbe impegnato il vincitore del contest durante l'autunno e l'inverno. Stiamo stringendo anche altre partnership, cercando di far crescere questo progetto alternativo al sistema dei talent, che - senza nulla togliere ai talent - è legato non allo spettacolo quanto alla musica".

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.