Prince, parla l'esperto statunitense Drew Pinsky: ipotesi di overdose accidentale di antidolorifici

Prince, parla l'esperto statunitense Drew Pinsky: ipotesi di overdose accidentale di antidolorifici

Lo spettro dell'overdose, già dalle prime ore seguenti alla morte di Prince, aleggia nell'aria. Ora, a parlare nuovamente di questo scenario, è stato il dottor Drew Pinsky, personalità mediatica ma soprattutto medico specialista in dipendenze e problematiche legate agli stupefacenti. Infatti a molti non torna l'ipotesi della classica overdose rock, legata a un uso ricreativo di droga, visto che l'artista era una persona salutista (era vegano, ad esempio), molto attenta all'alimentazione e al benessere fisico - come riportato da più fonti.

Pinsky ipotizza che lo scenario sia legato a un'overdose accidentale, legata a un utilizzo fuori controllo di antidolorifici oppiacei. Del resto, secondo fonti anonime, l'atterraggio di emergenza e il ricovero che si verificarono neppure una settimana prima del decesso di Prince sarebbero legati a un dosaggio eccessivo di Percocet, un potente medicinale antidolorifico della classe degli oppiacei. E, considerando che il musicista soffriva di gravi problemi all'anca - che a quanto pare gli provocava dolori forti e per il quale aveva rifiutato di operarsi, per via della sua fede religiosa (era testimone di Geova) - sembra plausibile che il ricorso all'antidolorifico fosse legato a questo tipo di difficoltà.

Pinsky, come riporta "Billboard", spiega anche che i problemi respiratori di Prince, che sembra abbiano causato il ricovero precedente alla morte, potrebbero essere stati causati dal cocktail di Percocet e benzodiazepine (comuni psicofarmaci):

La combinazione di oppiacei e benzodiazepine assunti per via orale è straordinariamente pericolosa [...]. Ti fa smettere di respirare e muori. E' facile che accada, anche se i medicinali sono stati regolarmente prescritti e presi nelle dosi giuste.

Il dottore poi approfondisce ulteriormente:

Comunque, anche se nel quadro c'entrano degli oppiacei, non mi sembra proprio una storia di tossicodipendenza. E anche se alla fine sembra siano state delle sostanze stupefacenti a farlo smettere di respirare, io definirei più un incidente la faccenda, piuttosto che un'overdose da tossicodipendenza. Anche se un uomo di mezza età e in salute, con un problema all'anca, non dovrebbe assumere oppiacei regolarmente. Questo è un dato di fatto.

Per non lasciare alcuna ipotesi inesplorata, poi, Pinsky dice che comunque potrebbe esserci stata una condizione di salute non nota al pubblico - magari una malattia cronica come il cancro o una patologia cardiaca. Nulla al momento può essere tralasciato.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.