Morte di Prince: i tributi dal vivo di Noel Gallagher, Mumford & Sons, Mariah Carey, Corey Taylor (Slipknot), 1975, Alicia Keys e altri - VIDEO

Morte di Prince: i tributi dal vivo di Noel Gallagher, Mumford & Sons, Mariah Carey, Corey Taylor (Slipknot), 1975, Alicia Keys e altri - VIDEO

Non solo per mezzo di tweet e accorati post sui social network si è concretizzato il cordoglio della comunità musicale mondiale per la scomparsa di Prince, morto in circostanza ancora da chiarire nella sua casa / quartier generale di Paisley Park, a Minneapolis: diversi artisti colpiti dalla morte del Purple One qualche ora prima di andare in scena hanno scelto di ricordare il collega dedicandogli brani proprio o cover dal vivo estratte ovviamente dal suo repertorio.
In concerto ieri sera a St Paul, Minnesota, i Mumford & Sons hanno scelto di omaggiare Prince con una delle sue composizioni più famose, "Nothing compares 2 U":

Caricamento video in corso Link

Noel Gallagher, dal vivo a Glagow, ha scelto il suo brano scritto per gli Oasis "Live forever" per ricordare la voce di "Sign o' the times":

Caricamento video in corso Link

Mariah Carey, durante la sua esibizione a Parigi chiusasi nella notte alla AccorHotels Arena, ha dedicato al collega scomparso la sua "One sweet day":

Caricamento video in corso Link

Lo show di ieri sera del frontman degli Slipknot Corey Taylor era atteso proprio al First Avenue di Minneapolis, luogo simbolo per Prince e per i suoi fan: il cantante, immerso nella luce ovviamente viola, si è prodotto in una toccante rilettura del super classico "Purple rain".

Caricamento video in corso Link

Anche Jennifer Hudson, impegnata a Brodway con il musical basato sul romanzo di Alice Walker "Il colore viola" dal quale è stato tratto anche l'omonimo e celebre film diretto da Steven Spielberg, alla fine della rappresentazione ha coinvolto il pubblico in una corale interpretazione di "Purple rain":

Caricamento video in corso Link

Attesa ieri al Tribeca Film Festival di New York, Alicia Keys ha rispolverato dal vivo "How Come U Don’t Call Me", brano scritto proprio da Prince inserito dalla cantante nel suo album di debutto del 2001 "Songs in A Minor". I 1975, poco prima di esibirsi - sempre poche ore fa - a Santa Barbara, in California, hanno scelto di proiettare il volto dell'artista a tutto schermo sul retro del palco.

Dall'archivio di Rockol - "Sign o' the times" di Prince: 5 curiosità sull'album e il tour
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.