Kesha, a giugno nuova testimonianza sotto giuramento contro Dr Luke

Kesha, a giugno nuova testimonianza sotto giuramento contro Dr Luke

La voce di "Tik Tok" tornerà davanti al giudice per testimoniare sotto giuramento contro Dr Luke, il suo ex produttore accusato di manipolazione e di abusi psicologici e sessuali: questo nuovo gradino nell'escalation legale tra Kesha e Lukasz Gottwald - questo il nome all'anagrafe del produttore - segue il rigetto, da parte del tribunale di New York, della richiesta di rescissione - presentata dalla stessa cantante - del contratto che la legava al suo ex mentore. Come riferisce il Daily Star, Gottwald avrebbe richiesto, per la prossima testimonianza della sua ex assistita, la registrazione audio e video dell'intera deposizione, che dovrà tenersi sotto giuramento: la comparizione dell'artista davanti alla corte è stata fissata per un giorno non definito del prossimo mese di giugno.

Lo scorso fine settimana Kesha è tornata ad esibirsi dal vivo come ospite di Zedd in occasione del primo weekend dell'edizione 2016 del Coachella Festival.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.