USA, dal Coachella guerra aperta al secondary ticketing: gli organizzatori denunciano un sito per tentata rivendita di vip pass

USA, dal Coachella guerra aperta al secondary ticketing: gli organizzatori denunciano un sito per tentata rivendita di vip pass

La Goldenvoice, agenzia organizzatrice del festival Coachella, ha citato in giudizio la società di Los Angeles Particle e la sua proprietaria Denise Kozlowski per aver convinto potenziali clienti di poter vendere biglietti vip per la prossima edizione della manifestazione, che prenderà il via domani, venerdì 15 aprile - nelle prime ore di sabato 16, con il fuso italiano, a Indio, in California: lo ha riferito TMZ, spiegando come l'intento dei promoter sia quello di bloccare sul nascere ogni iniziativa commerciale di secondary ticketing legata alla vendita di biglietti per il festival che non si poggi sui canali ufficiali, gli unici che garantiscano al compratore l'assenza aumenti di prezzo causati dalla presenza di intermediari dediti alla speculazione. Per il momento la Particle, sui suoi canali social, non ha commentato la vicenda. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.