Gli Story So Far, il calcio alla fan che si fa il selfie sul palco, l'indignazione del pubblico e la 'vittima' che difende il 'carnefice': cosa è successo - VIDEO

Gli Story So Far, il calcio alla fan che si fa il selfie sul palco, l'indignazione del pubblico e la 'vittima' che difende il 'carnefice': cosa è successo - VIDEO

La storia, prima confinata nelle cronache locali canadesi, poi ripresa dai media anglofoni e solo nelle ultime ore dilagata a livello internazionale, ha avuto inizio lo scorso fine settimana a Toronto, quando durante un'esibizione al Mod Club degli Story So Far, punk pop band americana fondata nel 2007 rimasta sempre nell'anticamera della fama internazionale, una fan - la ventunenne Becca Ilic - è salita sul palco nel bel mezzo del set per farsi un selfie con il gruppo. Salire sul palco per poi buttarsi spontaneamente di sotto nel più classico (e pericoloso) degli stage diving è prassi piuttosto comune ai concerti punk. La Ilic, suo malgrado, il ritorno tra le braccia (letteralmente) della platea non l'ha compiuto sua sponte, ma su invito - se così si può chiamare - del frontman del gruppo, come mostrato da un filmato presto divenuto virale:

Caricamento video in corso Link

Le immagini hanno ovviamente suscitato un'ondata di indignazione presso la comunità di appassionati, tanto da portare il titolare del club presso il quale è avvenuto il fattaccio, Jorge Dias, a mettere al bando il gruppo, capitanato da un frontman - Parker Cannon - non nuovo a gesti del genere: il cantante, infatti, nel 2015 fece più o meno la stessa cosa durante un concerto in Texas.

Caricamento video in corso Link

Nel comprensibile imbarazzo che ha portato la band e il proprio entourage a trincerarsi dietro un impenetrabile muro di "no comment" è intervenuta, prima con un post su Instagram, poi con un'intervista alla Associated Press, la stessa Ilic. La ragazza, lungi dall'essere spaventata e offesa dall'episodo, ha preso le difese di Cannon e della band:

"E' stato tutto divertente, a mio avviso. Poi non mi ha dato un calcio: è stata più una spinta"


(L'episodio filmato da un'altra angolazione)

La Ilic ha spiegato:

"So non avrei dovuto rimanere lì per così tanto tempo, specie per farmi un selfie, ma non mi sono fatta male, e non provo rancore verso il gruppo. Ho riso quando sono caduta di sotto, amo ancora Cannon, gli Story So Far, la loro musica, i loro concerti, oggi più che mai. [...] Sto bene e spero che quando accaduto non faccia cambiare a nessuno l'opinione sulla band"

Comportamenti del genere ai concerti, sia da parte dei fan che degli artisti, restano comunque estremamente pericolosi: il frontman dei Lamb Of God Randy Blythe nel 2010, durante un concerto a Praga, spinse giù dal palco il diciannovenne Daniel Nosek, che nella caduta batté il capo e morì qualche settimana dopo l'incidente. Le autorità ceche arrestatono e processarono Blythe, ritenendolo in ultima istanza se non la causa diretta della morte almeno il responsabile morale della tragedia. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.