Jay Z accusa i precedenti proprietari di Tidal di aver gonfiato i numeri degli utenti

Stando a quanto riportato da "Bloomberg", Jay Z ha deciso di portare in tribunale i precedenti proprietari della piattaforma Tidal, ovvero la compagnia norvegese Schibsted. Stando alle fonti della testata, è stata recapitata all'azienda una lettera che accusa di aver gonfiato i numeri relativi agli abbonati durante le trattative che hanno portato all'acquisto della piattaforma per ben 56 milioni di dollari.

Un comunicato ufficiale di Tidal spiega:

E' venuto alla luce, dopo aver preso il controllo di Tidal e aver condotto le nostre indagini, che il numero totale di abbonati era in realtà molto inferiore ai 540.000 dichiarati dai precedenti possessori. A questo proposito abbiamo fatto pervenire delle comunicazioni di natura legale alle parti coinvolte nella vendita.

Schibsted, che lo scorso anno ha appunto venduto a Jay Z la piattaforma poi divenuta Tidal, ha negato fermamente di aver gonfiato i dati tramite un portavoce che ha contattato "Bloomberg":

Neghiamo le accuse mosse nel documento e ogni potenziale affermazione in quel senso. Vorremmo sottolineare che l'azienda era quotata in borsa, con tutto ciò che comporta la cosa a livello di trasparenza nella reportistica dei dati finanziari.

Al momento Tidal ha comunicato di avere raggiunto i tre milioni di utenti a pagamento; peraltro stando alle ultime voci di corridoio, la piattaforma potrebbe presto iniziare a offrire film originali ai propri utenti

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.