Zucchero, "Partigiano reggiano": l'ascolto di Rockol

Zucchero, "Partigiano reggiano": l'ascolto di Rockol

Sì, lo confesso per Zucchero ho un "soft spot" - o per dirla in italiano, un debole. Trovo che le sue canzoni siano energiche, emotive, a volte persino emozionanti. Trovo che sia fra i pochi artisti italiani - tra i pochissimi, forse - a perseguire testardamente un progetto di internazionalità, per quanto possa costargli anche di tasca sua. Trovo che i suoni dei suoi dischi siano efficaci, che la produzione sia accuratissima, e trovo che la sua miscellanea di generi e ispirazioni sia così personale da diventare molto originale, per quanto sia una riproposizione di cose già sentite prima e altrove. Diciamo che il cocktail di sapori che confeziona è fatto di ingredienti che lui sa agitare (non mescolare, come il Martini Cocktail di James Bond) in maniera peculiare, e questa maniera a me piace.
Trovo anche che abbia sviluppato una capacità di scrivere testi molto apprezzabile: anche qui, l'alternanza di italiano e inglese (e anche di grammelot, e di parole inventate o create da lui, come "slèmpito", che si direbbe una crasi fra "slancio" e "empito", o "umanica", entrambe presenti nel testo di "Partigiano reggiano") ha un risultato sonoro potente, e riesce anche a non perdere la capacità narrativa, magari lasciando qualcosa all'intuizione più che alla comprensione, ma non importa: anzi, meglio.
"Partigiano reggiano", il nuovo singolo di Zucchero, di cui leggete qui mentre le radio italiane lo stanno passando in contemporanea alle 20 di oggi giovedì 24 marzo - e che anticipa il nuovo album "Black Cat", in uscita ad aprile - è una canzone molto forte, molto energica, molto semplice nella struttura, molto funzionale nell'arrangiamento (di Don Was, Zucchero e Max Marcolini), cantata con la consueta, ma non per questo meno convincente passione da Zucchero; e se vi chiedete, non avendola ancora ascoltata (ma fatelo appena potete), cosa c'entra il partigiano reggiano, sappiate che nel testo le frasi dicono "un canto libero come un partigiano reggiano", "un cuore unico come un partigiano reggiano". Il calembour quindi non è irrispettoso, come non lo è "Oh bella ciao / mia bella ciao" nella strofa: speriamo che i soliti professionisti dell'indignazione a comando se ne stiano tranquilli (o forse no, speriamo il contrario: così si parlerà di più della canzone).
Come ormai spesso nelle canzoni di Zucchero, nei testi si fa del citazionismo: da Battisti/Mogol, "Canto libero"; da Battisti/Panella, "le insidie pullulano"; da altri canzonieri - "Let's dance", "ma belle", lo stesso "la bestia umanica", che rimanda alla gucciniana "La canzone del bambino nel vento (Auschwitz)" - e negli arrangiamenti pure (trovate voi l'esempio più evidente). Ma, ripeto, è come se la musica di cui si è nutrito e si nutre l'autore e interprete gli procuri un riflesso esofageo: regolarmente torna su, e si fa sentire (ben più piacevolmente, per fortuna, di un conato di vomito).
Ma quel che si può dire o scrivere di "Partigiano reggiano" non ce la fa a restituire l'eccitazione con cui la si ascolta - o forse non sono capace io di dirlo o scriverlo. Meglio se la sentite, "Partigiano reggiano": dà energia, come il parmigiano reggiano (del quale, come probabilmente sapete, tradizionalmente si vantano le doti afrodisiache), e dura solo due minuti e 59 secondi. Proprio come un buon vecchio 45 giri della Stax.

(fz)

Scheda artista Tour&Concerti Testi
22 set
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.