Gestione dei diritti connessi: approvato in commissione al Senato un emendamento che abolisce l’esclusiva dei discografici

Gestione dei diritti connessi: approvato in commissione al Senato un emendamento che abolisce l’esclusiva dei discografici

La Commissione Industria del Senato ha approvato oggi nell'ambito del disegno di legge Concorrenza un emendamento promosso dalla senatrice Elena Fissore che che abolisce l’esclusiva dei discografici nella gestione dei diritti discografici connessi (attualmente sancito per legge dall'articolo 73 LDA 633/1941): il provvedimento - se passerà l'esame dei due rami del parlamento - potrà permettere ad artisti e società di collecting di avere voce in capitolo nella negoziazione dei compensi per la pubblica diffusione delle proprie opere da parte di terzi. L'iniziativa, sostenuta da - tra gli altri - Cecilia Chailly, Moni Ovadia, Leo Nucci, e dal presidente della società di collectiong Itsright Gianluigi Chiodaroli, sarà discussa in aula insieme a testo del ddl nei prossimi giorni.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.