'La macchinazione', arriva nei cinema il film su Pasolini interpretato da Massimo Ranieri (e con i Pink Floyd nella colonna sonora) - VIDEO

'La macchinazione', arriva nei cinema il film su Pasolini interpretato da Massimo Ranieri (e con i Pink Floyd nella colonna sonora) - VIDEO

Verrà distribuito a partire dal prossimo venerdì 24 marzo "La macchinazione", lungometraggio diretto da David Grieco - attore e cineasta già collaboratore dell'intellettuale, poeta e regista friulano - incentrato sulla figura di Pier Paolo Pasolini, interpretato su grande schermo da Massimo Ranieri, titolare di una solida carriera attoriale iniziata negli anni Sessanta con maestri come Camillo Mastrocinque, Mauro Bolognini e Mariano Laurenti e in passato già diretto sul set da nomi di prima grandezza sul panorama internazionale come Claude Lelouch (per "Les parisiens" nel 2004), Maurizio Scaparro (per "L'ultimo Pulcinella", nel 2008) e John Turturro (per "Passione", nel 2010).

Nella colonna sonora del film figura anche un brano dei Pink Floyd, "Atom Heart Mother", suite e lato A dell'omonimo album del 1970. Come ha spiegato lo stesso Grieco a Movieplayer.it:

"Ho scelto le musiche dei Pink Floyd perché sono quelle della mia vita. Anche Pasolini, per i suoi lavori da regista, usava sempre musiche pre-editate e mi sono detto che dovevo usare qualcosa che avesse senso per me. Non ho fatto un film 'figo', così come non faceva film 'fighi' Pasolini. Sarebbe stato il più grande insulto che potessi fargli. Ho scritto una lettera [ai Pink Floyd] e gli ho inoltrato il copione. Tutti ci prendevano per pazzi. Mi hanno risposto e hanno detto che per Pasolini e per questo progetto ci avrebbero dato le loro musiche, aggiungendo che volevano che spendessimo il meno possibile per i diritti"

Caso vuole che il 1970 - l'anno di "Atom Heart Mother" - rappresenti una data simbolo del legame esistente tra la band di "The dark side of the moon" e il cinema italiano: sempre nello stesso anno venne pubblicata la colonna sonora di "Zabriskie Point", uno dei capitoli più controversi della carriera di Michelangelo Antonioni la cui colonna sonora fu in prima battuta affidata interamente alla band di David Gilmour e Roger Waters, poi - per scelta dello stesso regista, insoddisfatto da quanto prodotto da gruppo - "completata" da brani di Jerry Garcia, John Fahey e Kaleidoscope.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
5 mar
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.