Eagles Of Death Metal, Jesse Hughes si domanda: 'Perché così poca security al Bataclan la sera del 13 novembre?'

Eagles Of Death Metal, Jesse Hughes si domanda: 'Perché così poca security al Bataclan la sera del 13 novembre?'

Attualmente in pausa dall'attività dal vivo perché convalescente dall'infortunio che ha costretto il suo gruppo a cancellare una buona parte del tour europeo (date italiane comprese), il leader degli Eagles of Death Metal Jesse Hughes è tornato ancora una volta a ricordare la maledetta sera dello scorso 13 novembre, quando durante il set della sua band un commando armato di terroristi è entrato nello storico locale di Parigi Bataclan uccidendo 89 persone tra spettatori e addetti ai lavori.

Il cantante e chitarrista, le cui controverse dichiarazioni sull'accesso alle armi da parte della popolazione civile avevano già fatto discutere qualche settimana fa, in un'intervista rilasciata al network americano della Fox ha sollevato dubbi sull'efficenza del personale addetto alla sicurezza presente la sera della strage nel club parigino. Dubbi che, se letti per un certo verso, potrebbero anche assumere sfumature complottiste:

"Appena entrato nel locale, sono passato di fianco a un tizio che immaginavo fosse l'addetto alla sicurezza del backstage. Lui non mi ha nemmeno guardato. Allora sono andato dal promoter e gli ho detto: 'Chi è quello? Non se ne potrebbe mettere un altro?'. La risposta è stata: 'Beh, a quest'ora non tutte le guardie sono ancora arrivate'. Poi, dopo [l'attacco], ho scoperto che la sera sei addetti o qualcosa del genere non si erano nemmeno presentati. Con tutto il rispetto per la polizia francese che sta ancora indagando, non voglio rilasciare una dichiarazione ufficiale, ma direi che sembrava avessero una buona ragione per non farsi vedere..." 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.