NEWS   |   R'n'B / hip hop / 16/02/2016

Kanye West attacca la stampa "bianca" poi dice che il nuovo disco è da finire e non sarà mai messo in vendita. Il misterioso tweet di insulti (rimosso) di Virgin Australia

Kanye West attacca la stampa "bianca" poi dice che il nuovo disco è da finire e non sarà mai messo in vendita. Il misterioso tweet di insulti (rimosso) di Virgin Australia

Ecco le ultime notizie dal fronte - ormai è quasi una guerra! - del nuovo album di Kanye West, "The life of Pablo". Il disco teoricamente è uscito nel weekend del 13-14 febbraio, ma è stato immediatamente tolto dal commercio, lasciandolo disponibile solo per gli abbonati al servizio streaming Tidal, in versione però non definitiva. Il rapper, infatti, stando a fonti interne della Universal, non è per nulla soddisfatto del risultato finale e sta ancora lavorando alacremente per raggiungere la qualità sonora desiderata - in particolare "Wolves" è un brano che ritiene molto problematico e da sistemare radicalmente.
In ballo potrebbe esserci anche una modifica del minutaggio di alcuni pezzi.

Ad aggiungere un ulteriore tassello a questo quadro già caotico in sé, giunge la dichiarazione di West secondo cui "The life of Pablo" (che è stato scaricato illegalmente mezzo milione di volte) non tornerà disponibile sul mercato per essere acquistato e resterà un'esclusiva riservata agli abbonati a Tidal. L'artista ha infatti twittato:

Il mio album non sarà mai e poi mai su Apple. E non sarà mai in vendita... potrete averlo solo tramite Tidal.

Inoltre West ha annunciato che tramite Tidal renderà disponibili anche tutti i brani condivisi online durante l'iniziativa "Good Fridays" (in pratica West, per lanciare il suo album del 2010 e poi questo nuovo del 2016, ogni venerdì - per qualche settimana prima della data di uscita - postava un inedito, che non necessariamente finiva poi nel disco). A quanto pare Kanye ha anche scritto un corpus di brani molto nutrito insieme a Kendrick Lamar e a Young Thug: 40 con ognuno!

Infine - sempre tramite Twitter - West ha lanciato uno strale piuttosto velenoso diretto alla stampa di settore "bianca": l'artista chiede infatti che le "pubblicazioni bianche" la smettano di commentare e recensire la musica nera. Evidentemente le recensioni della versione provvisoria di "The life of Pablo" non gli sono piaciute. Ha quindi scritto:

A Pitchfork, Rolling Stone, New York Times e tutte le altre pubblicazioni bianche. Per favore non parlate più di musica nera.

Ha poi aggiunto:

Io amo, amo, amo la gente bianca ma voi non capite cosa significhi essere il pronipote di ex schiavi e avercela fatta ad arirvare così in alto.

E ancora:

Il sistema è concepito affinché le persone di colore falliscano e una delle nostre uniche voci è la musica. Una delle nostre poche possibilità di fuga è la musica.

Le ultime esternazioni del rapper sono state commentate da un misterioso tweet - già rimosso, e sulla pubblicazione del quale la società titolare dell'account sta già investigando - apparso sul canale social ufficiale della filiale australiana della Virgin.

Ecco il tweet incriminato ripreso da un utente della popolare piattaforma di microblogging:

"[Succhia il c***o, c*****e]

Promuovete l'impiegato che l'ha scritto"

La Virgin ha immediatamente preso le distanze:

"Il recente tweet non è stato pubblicato da un nostro dipendente. Stiamo investigando sull'accaduto. Ci scusiamo per quanti si siano sentiti offesi"

Diversi altri utenti, tuttavia, non hanno mancato di dimostrare solidarietà al misterioso autore della trovata:


 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi