Sanremo 2016, Ermal Meta in sala stampa: 'Non mi definisco un autore, ma un cantautore'

Sanremo 2016, Ermal Meta in sala stampa: 'Non mi definisco un autore, ma un cantautore'

Dopo aver avuto la meglio nello scontro testa a testa con Irama di ieri sera, mercoledì 10 febbraio, conquistando così un posto nella finale della categoria "Nuove proposte", l'ex frontman dei La Fame di Camilla arriva in sala stampa per parlare della sua attività di autore (ha scritto brani poi incisi da Marco Mengoni, Patty Pravo, Annalisa, solo per citarne alcuni), della sua canzone ("Odio le favole") e del suo album di debutto solista "Umano": "Più che un semplice autore, mi definisco un cantautore.

E ritengo di essere un cantautore anche quando scrivo per gli altri", spiega Ermal Meta, "la mia attività di autore è un'attività di collaborazione che mi vede sempre mantenere la mia identità di cantautore. Se smetterò di scrivere per altri artisti ora che pubblico il mio album di debutto solista? Assolutamente no".

A proposito del pezzo sanremese e del suo disco, poi, Ermal dice: "Questa canzone è un mix tra leggerezza e profondità. E' una delle tante facce del mio album, 'Umano', che è composto di pezzi molto diversi tra loro, una raccolta di pensieri e di emozioni, il punto di arrivo del percorso che ho intrapreso nell'ultimo anno".

Il cantautore spende poi alcune parole positive in merito alle decisioni prese dal direttore artistico e conduttore del Festival, Carlo Conti, in merito alle "Nuove proposte": "Ha messo i giovani in apertura e non in chiusura: è una scelta importante. Anche quest'anno, a Sanremo, la musica è in primo piano. Ecco, secondo me quest'anno sarà la musica a vincere il Festival".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.