Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Pop/Rock / 29/01/2016

Morto Paul Kantner, una carriera durata più di 50 anni: Jefferson Airplane, Starship e progetti solisti - VIDEO

Morto Paul Kantner, una carriera durata più di 50 anni: Jefferson Airplane, Starship e progetti solisti - VIDEO

Nel 1965, quando ricevette da Marty Balin la proposta di fondare la leggendaria rock band, Paul Kantner aveva 24 anni e non molta esperienza in ambito musicale: nato nel marzo del 1941 a San Francisco, in California, Kantner si era avvicinato alla musica all'età di 8 anni, vedendo in essa una sorta di "via di fuga" dalla vita quotidiana; fu solo durante l'adolescenza che il compianto frontman dei Jefferson Airplane (scomparso lo scorso 28 gennaio, all'età di 74 anni, per setticemia) decise di cominciare a praticare la musica, ispirato dalla figura del cantautore folk di protesta Pete Seeger.

Kantner è stato l'unico musicista ad apparire in tutti gli album registrati dai Jefferson Airplane, poi divenuti Jefferson Starship: in seguito all'abbandono di Balin, il musicista assunse il ruolo di frontman della band e la portò al successo negli anni '60, fino al 1972 (anno in cui i Jefferson Airplane si sciolsero per dare vita al nuovo progetto degli Starship): significative le partecipazioni del gruppo a eventi che hanno fatto la storia del rock, come il Monterey Pop Festival (1967), il festival di Woodstock (1969) e quello di Altamont (1969). Insieme ai Jefferson Airplane, Kantner pubblicò un totale di sette album da studio: "Surrealistic pillow" del 1967 si spinse fino alla terza posizione della classifica di vendita statunitense (all'interno del disco troviamo i due più grandi successi del gruppo, "Somebody to love" e "White rabbit"), "Crown of creation" del 1968 raggiunse la sesta posizione, mentre l'ultimo album da studio "Long John Silver" si fermò alla ventesima.





Quando, a causa di conflitti interni al gruppo, gli Airplane si sciolsero, Kantner rimise insieme le ceneri della band e diede vita al progetto dei Jefferson Starship: nel 1970 (quando i Jefferson Ariplane non si erano ancora sciolti) arrivò un album, "Blows against the empire", registrato insieme a David Crosby, Graham Nash, membri dei Grateful Dead (Jerry Garcia, Bill Kreutzmann e Mickey Hart) e membri degli stessi Jefferson Airplane (Grace Slick, Joey Covington e Jack Cassady), che può essere considerato come una "prova generale" dei futuri Starship. Nel disco, tra gli altri brani, figura anche una canzone intitolata "A child is coming", dedicata alla figlia che Kantner ebbe da Grace Slick, China Wing Kantner (la coppia Kantner-Slick era stata battezzata dai media dell'epoca come "la versione psichedelica di John Lennon e Yoko Ono"). Paul Kantner tenne vivi i Jefferson Starship dal 1974 al 1984 e con essi pubblicò un totale di otto dischi, da "Dragon fly" del 1974 a "Nuclear furniture" del 1984.



Nel 1984, Kantner abbandonò i Jefferson Starship poiché, a suo avviso, la band era diventata troppo commerciale e si era allontanata dallo spirito della controcultura e impose ai restanti membri di cambiare il nome della band da "Jefferson Starship" a "Starship" (seguì una causa, che Kantner vinse). A sorpresa, il musicista "resuscitò" i Jefferson Airplane, con i quali registrò un nuovo disco eponimo, uscito nel 1989 (l'album è da considerarsi l'ultimo disco degli Airplane). Ritrovato Marty Balin nel 1991, Kantner riformò con questo i Jefferson Starship, con i quali ha registrato materiale e tenuto concerti fino al 2013 (l'ultimo disco, "Jefferson's tree of liberty", è uscito nel settembre del 2008). Il musicista di San Francisco, nel corso della sua cinquantennale carriera, ha pubblicato anche alcuni dischi da solista: "Planet Earth rock and roll orchestra" del 1983 (rimasterizzato e ristampato nel 2005), "Windowpane collective vol. 1 - A martian Christmas" (2010) e "Windowpane collective vol. 2 - Venusian love songs" (2011).



Lo scorso anno, Kantner celebrò i 50 anni dalla nascita dei Jefferson Airplane con una serie di concerti per i quali condivise il palco con i Jazz is Dead, gruppo-omaggio ai Grateful Dead.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi