La questione della visibilità degli autori: interviene Roberto Razzini di Warner Chappell Music Italiana

La questione della visibilità degli autori: interviene Roberto Razzini di Warner Chappell Music Italiana

Sabato scorso, 23 gennaio, abbiamo pubblicato questo articolo in cui il nostro direttore lamentava la difficoltà di reperire, tramite gli uffici stampa preposti (RAI e Festival di Sanremo) i nomi degli autori delle canzoni in gara.
Sull'argomento riceviamo una lettera di Roberto Razzini, managing director di Warner Chappell Music Italiana, Presidente F.E.M. e Membro del Consiglio di Sorveglianza SIAE, che volentieri pubblichiamo qui di seguito.

Milano, 26 gennaio 2016

Caro Franco,

faccio riferimento al tuo articolo, apparso su Rockol in data 23 gennaio, nel quale affronti l’ormai annoso problema della mancanza di visibilità degli Autori delle Opere Musicali che partecipano al Festival di Sanremo.

Non solo condivido il tuo “grido di allarme”, ma mi permetto di aggiungere come il mancato riconoscimento del fondamentale ruolo dell’Autore, si verifichi in tantissime occasioni nelle quali viene eseguita una canzone e/o viene citato, verbalmente o per iscritto, il suo titolo e il relativo interprete.
Questo purtroppo accade in tutte le trasmissioni televisive, musicali e non, nelle quali spesso si ricordano i titoli di canzoni e i nomi di prestigiosi interpreti, senza che nessuno si premuri di citarne gli Autori; Autori, senza i quali non ci sarebbero né musica né parole.
Aggiungo come lo stesso si verifichi anche su tutte le piattaforme musicali, siano esse di streaming o di download e in generale su quasi tutti i siti internet che trattano di musica e canzoni.

Da Amministratore Delegato di Warner Chappell, non solo quindi apprezzo e condivido questo tuo disappunto, ma anzi, ti ringrazio per aver sollevato il problema.

Dissento invece fermamente, sia da membro del Consiglio di Sorveglianza S.I.A.E. che da Presidente F.E.M., riguardo l’attribuzione di una qualche responsabilità diretta sul tema, che tu imputi all’Ente e alla Federazione.
S.I.A.E. e F.E.M., ciascuno per quanto di competenza, hanno ben poche responsabilità sulla questione, essendo entrambi esclusi dalla Convenzione che determina le regole che sovraintendono al Festival di Sanremo e che, come noto, viene firmata da RAI con le Associazioni che rappresentano le Aziende Fonografiche.
Aggiungo anche, e credo sia noto a tutti, come nella Convenzione sopra ricordata, queste due categorie non siano previste tra le professionalità riconosciute quali aventi diritto di Accrediti necessari per poter accedere al Teatro Ariston.

Il grave errore che viene compiuto ormai da tanti anni è infatti relativo al mancato riconoscimento, quali controparti della Convenzione, di Autori ed Editori, disconoscendo, così, il loro assoluto ruolo centrale nel Festival.

Ciò precisato, sono al corrente di iniziative di rilievo, promosse da S.I.A.E. che, sin dall’ormai imminente edizione della manifestazione, cominceranno a dare, agli Autori delle Canzoni in gara, la giusta rilevanza. A tempo debito saranno date le comunicazioni del caso.

Per quanto riguarda F.E.M., invece, vorrei informarti come da anni si stia cercando di sensibilizzare RAI sull’esigenza di un corretto ed adeguato riconoscimento dei rispettivi ruoli degli Autori e degli Editori, all’interno del Festival di Sanremo.

Colgo questa occasione per stigmatizzare, come peraltro hai già fatto nel tuo articolo, la grave mancanza di coesione, non solo tra gli Autori, ma anche tra gli Editori e come questa mancanza di una univoca rappresentatività renda questo processo di emancipazione per queste categorie, sicuramente più difficoltoso.

Ti ringrazio per l’attenzione e vorrei concludere riportando la corretta denominazione che qualifica la manifestazione sanremese: “Festival della Canzone Italiana”.
Ritengo quindi che sul principio che il Festival sia basato sulla Canzone e che una Canzone senza Autori non possa esistere, non ci siano obiezioni. Dobbiamo quindi trovare il modo di fare fronte comune, tra gli Autori e gli Editori, per posizionarci dove meritiamo di stare.

Cordiali saluti.

Roberto Razzini

Managing Director
Warner Chappell Music Italiana

Presidente F.E.M.
Membro del Consiglio di Sorveglianza S.I.A.E.


Caro Roberto,
ho sempre trovato scorretti i giornalisti che reagiscono a una critica, o a una richiesta di rettifica, prendendosi l'ultima parola con un commento o una risposta. Quindi mi limito a ringraziarti per il tuo intervento, che pubblichiamo dandogli la stessa visibilità della notizia che l'ha originato, ribadendo che Rockol, e io personalmente, non solo siamo sempre più che disposti a pubblicare considerazioni, repliche o puntualizzazioni; ma rifiutiamo fermamente qualsiasi illazione secondo la quale ciò che scriviamo sarebbe frutto di una presa di posizione "pilotata", come, purtroppo, qualcuno si è permesso di sostenere dopo aver letto il mio articolo.
Se altri vorranno prendere parte al dibattito, saremo sempre ben lieti di ospitarli sulle nostre pagine.
Franco Zanetti

Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Massimo Bonelli (iCompany, Concerto del Primo Maggio)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.