Giuda al "Biko" di Milano: intervista e LIVE REPORT

Giuda al "Biko" di Milano: intervista e LIVE REPORT

"Con la musica abbiamo un rapporto viscerale, è da sempre una parte fondamentale della nostra vita", racconta Lorenzo, il chitarrista della band glam-punk'n'roll romana prima del concerto, "con il cantante Tenda e il bassista suoniamo insieme dal 1992, io avevo 12 anni, è quindi una parte importantissima anche della nostra vita insieme". Il punto di forza del gruppo romano è proprio la capacità di comunicare, un intento che si percepisce sia sul palco che in studio. Lorenzo conferma: "cercare di mantenere il sapore del live mentre si registra è importante, perché, più che la tecnica, il nostro cavallo di battaglia è l’impatto che abbiamo sul pubblico. Portare questo elemento anche in studio è una cosa difficile, e solo ora, arrivati al terzo disco, direi che ci siamo avvicinati parecchio a quello che è il nostro sound dal vivo”.
I Giuda si stanno preparando ad affrontare mesi impegnativi in tournée, con tappe europee e negli Stati Uniti. "Ci aspettiamo di raccogliere un po’ di frutti della semina fatta negli anni precedenti", aggiunge Tenda, "siamo fiduciosi in questo nuovo album, ci stiamo puntando molto, e ricevere testimonianze di stima anche da personalità importanti della musica ci fa ben sperare. Non vediamo l’ora di partire". Etichetta svedese (la Burning Heart Records), fan club francese e un sound british che convince: la ricetta dei Giuda sembra guardare oltre i confini dell’Italia. Proprio la loro ultima esibizione a Londra ha permesso loro di essere apprezzati anche dagli autoctoni. Tenda racconta: "Durante quel live c’erano giornalisti di testate come Mojo e Classic Rock, era importante non sbagliare, c’è stata una grande partecipazione del pubblico, è stato un sold out, un live emozionante…", e Lorenzo aggiunge: "La soddisfazione più grande è stata quella di essere risultati credibili anche per un pubblico che è nato e cresciuto con quel genere. Vedi, è come se un inglese preparasse una carbonara in Italia, qualche dubbio prima di assaggiarla ce l’hai per forza".           

Michele cerca di non dare nell’occhio, imbraccia la chitarra nell’angolo più buio del palco e attacca il riff di “Working class man”. Il pubblico lo accoglie con un applauso caloroso, e gli altri componenti si affrettano a prendere posizione. La voce di Tenda spicca calda e potente sugli accordi (nudi e soprattutto crudi) di questo primo pezzo; la band è quasi interamente vestita di denim, un look che sembra rispecchiare l’immagine della “working class”. Coinvolge il suono massiccio di “Mama got the blues”, mentre crea un clima più scanzonato “Yellow dash”, che vede Lorenzo alla voce. Il pubblico canta il ritornello punk rock di “Coming back to you”. La strumentale “Racey roller” fa ballare tutti e non mancano i cori ad accompagnare gli originali riff di chitarra sparsi per il brano. Si susseguono divertenti botta e risposta con il pubblico, soprattutto in “Wild tiger woman”. La sezione ritmica di Danilo e Daniele procede instancabile: si respira una bella energia con “Roll the balls”, singolo estratto dall’ultimo album. Quando i Giuda escono di scena il pubblico li richiama cantando i brani che ancora non sono stati eseguiti; si fa forte come un inno da stadio il coro di “Get that goal”: senza dubbio una soddisfazione per i cinque musicisti, grandi appassionati di calcio. La band rientra sul palco per suonare quattro pezzi tutti d’un fiato, terminando con entusiasmo una serata più che soddisfacente.  

(Vittoria Polacci)

SETLIST:
Working class man
Mama got the blues
Yellow dash
Back home
Coming back to you
Teenage rebel
Maybe it’s all over now
Get it over
 Watch your step
Bad days are back
Racey roller
It ain’t easy
Wild tiger woman
Get on the line
Roll the ball
You can do everything
Number 10
Hey hey

BIS:
Hold me tight
Saturday night’s alright for fighting
Get that goal
Roll on

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.