Jimi Hendrix, il suo appartamento londinese diventa un museo - VIDEO

Jimi Hendrix, il suo appartamento londinese diventa un museo - VIDEO

A partire dal 10 febbraio l’appartamento al 23 di Brook Street a Londra dove Jimi Hendrix visse tra il 1968 e il 1969 sarà aperto al pubblico dopo una ristrutturazione costata 2.4 milioni di sterline (oltre 3 milioni di euro) per riportarlo esattamente allo stato in cui era all’epoca.

Come non bastasse, al 25 sempre di Brook Street visse, 240 anni prima, il compositore austriaco Georg Friedrich Handel. Anche quell’appartamento è stato ristrutturato e le due case saranno collegate.

Michelle Aland, responsabile del progetto, ha detto a Team Rock: “Abbiamo lavorato sull’appartamento di Hendrix dal 2012, i visitatori verranno trasportati indietro nel tempo fino al 1969 quando Jimi viveva qui e suonava con gente incredibile. Qui ha fatto jam musicali con George Harrison, per fare un esempio, che poi si è anche fermato a dormire. E’ fantastico per noi rivedere tutto ciò come era all’epoca e sicuramente piacerà molto anche ai fans” e aggiunge, “Ci sono voluti molti anni alla Handel House Trust per acquisire gli appartamenti di Handel e Hendrix e un sacco di tempo poi per farli tornare allo stato originale".

Aland chiude dicendo: “Quello era un grande momento per vivere a Londra, soprattutto per i musicisti e gli appassionati di musica. La posizione era ideale per Jimi Hendrix, perché siamo proprio accanto a Soho e a tutti i grandi jazz club e negozi di musica, dove avrebbe trascorso molto del suo tempo."

Caricamento video in corso Link

 

Dall'archivio di Rockol - Jimi Hendrix e la sintassi della musica
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.